Skip to content

Disoccupazione giovanile in Italia: cause e possibili soluzioni

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Sedda Tolu
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Diritto per le imprese e le pubbliche amministrazioni
  Relatore: Sergio Alessandrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Da qualche tempo, il tema della disoccupazione giovanile è ritornato a far notizia a livello nazionale, a causa delle percentuali negative che lo caratterizzano e che spesso costringono il nostro paese alle posizioni più basse nelle classifiche comparative con altri paesi europei e non solo.
In questa tesi vorrei, quindi, approfondire il tema cercando di comprenderne le cause e individuare, infine, delle soluzioni che una volta applicate potrebbero incidere notevolmente sull’intensità di questo fenomeno.
Nella prima parte del lavoro darò uno sguardo d’insieme alla realtà italiana comparandola a quella di altre potenze europee, rilevando la differenza esistente fra i paesi, guardando prima al problema generale della disoccupazione, affrontando poi nello specifico quello della disoccupazione giovanile. Sarà dato ampio spazio al divario esistente tra le categorie di lavoratori, giovani e adulti, essendo queste differenze l’origine delle maggiori difficoltà giovanili nel mercato del lavoro. Basti pensare che dal 2007 al 2013, il tasso di disoccupazione giovanile è balzato dal 21 per cento circa a oltre il 38 per cento. Nello stesso periodo è cresciuta anche la disoccupazione degli adulti, ma molto meno.
Grazie poi ad una rassegna delle principali teorie economiche (liberista e interventista), potrò quindi avvicinarmi all’elencazione di quelle che vengono ritenute le cinque principali cause della disoccupazione giovanile: il fattore tempo, le ragioni geografiche e anagrafiche, la mancata corrispondenza tra le competenze offerte dai giovani e quelle richieste dai lavoratori, la rigidità del mercato del lavoro e le difficili transizioni scuola- lavoro.
Nella parte centrale della tesi darò particolare attenzione a due delle cause riscontrate: il dualismo del mercato del lavoro e le transizioni scuola- lavoro. Per spiegare al meglio il dualismo che caratterizza il mercato del lavoro italiano, sarà opportuno conoscere il quadro normativo di sfondo e gli interventi giurisprudenziali che negli anni ne hanno profondamente modificato la struttura. Dal 1997, infatti, con l’introduzione del cosiddetto Pacchetto Treu, si permise di ricorrere in modo massiccio a dei contratti che regolavano alcune forme di lavoro atipico. Le leggi a seguire (si pensi alla legge del 14 febbraio 2003 n. 30, nota come “Legge Biagi”) continuarono sullo stesso percorso, introducendo sempre nuove forme contrattuali flessibili, o apportando piccole modifiche a tipologie di contratti già esistenti.
Sarà dato poi rilievo al tema della flexicurity, obiettivo perseguito dal legislatore italiano con svariati interventi, che non hanno però dato i frutti sperati.
Nell’analizzare la seconda causa, vorrei porre l’accento su un periodo molto delicato della vita di ogni giovane, il passaggio tra la fine del percorso di studi e l’ingresso nel mercato del lavoro. Verrà notato come il negativo superamento di questa fase possa fortemente influenzare il percorso lavorativo di ogni giovane e protrarne gli effetti per l’intera durata della carriera (scarring effect).
Visti i principali tipi di transizione, verificherò poi come queste siano fortemente influenzate in ogni paese dalle caratteristiche istituzionali tipiche di ogni organizzazione. In particolare si darà spazio a quattro paesi che spesso, fungono da modello negli studi sulle transizioni scuola- lavoro, ossia: Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti.
Nel terzo e ultimo capitolo, riprenderò innanzitutto il concetto di flexicurity, rilevando come, in molti paesi compresa l’Italia, i tentativi di raggiungere tale condizione abbiano per lo più portato all’introduzione delle cosiddette “riforme al margine”, che hanno lasciato sostanzialmente immutato il quadro giuridico italiano riguardante i contratti a tempo indeterminato, e liberalizzato le forme contrattuali temporanee per favorire l’accesso dei giovani al mercato del lavoro.
Sottolineando l’esigenza dell’Italia di trovare, al più presto, una soluzione all’alto tasso di disoccupazione giovanile, verranno poi proposte due differenti strategie: la prima è quella avanzata da T. Boeri e P. Garibaldi che riguarda l’introduzione di un contratto unico a tempo indeterminato, valido per tutti i lavoratori. La seconda, invece, è quella che richiede ulteriori leggi volte al completamento di quelle già in vigore, tali da consentire il pieno e definitivo passaggio a un sistema di flexicurity.
Un breve accenno al sistema di istruzione italiano e, in particolare, alla difficoltà dei giovani di portare a termine un percorso di studi avanzato permetterà di comprendere come qualsiasi legge non sarà da sola sufficiente a permettere all’Italia di invertire la rotta attuale e quindi risolvere definitivamente il problema della disoccupazione giovanile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Da qualche tempo, il tema della disoccupazione giovanile è ritornato a far notizia a livello nazionale, a causa delle percentuali negative che lo caratterizzano e che spesso costringono il nostro paese alle posizioni piø basse nelle classifiche comparative con altri paesi europei e non solo. In questa tesi vorrei, quindi, approfondire il tema cercando di comprenderne le cause e individuare, infine, delle soluzioni che una volta applicate potrebbero incidere notevolmente sull’intensità di questo fenomeno. Nella prima parte del lavoro darò uno sguardo d’insieme alla realtà italiana comparandola a quella di altre potenze europee, rilevando la differenza esistente fra i paesi, guardando prima al problema generale della disoccupazione, affrontando poi nello specifico quello della disoccupazione giovanile. Sarà dato ampio spazio al divario esistente tra le categorie di lavoratori, giovani e adulti, essendo queste differenze l’origine delle maggiori difficoltà giovanili nel mercato del lavoro. Basti pensare che dal 2007 al 2013, il tasso di disoccupazione giovanile è balzato dal 21 per cento circa a oltre il 38 per cento. Nello stesso periodo è cresciuta anche la disoccupazione degli adulti, ma molto meno. Grazie poi ad una rassegna delle principali teorie economiche (liberista e interventista), potrò quindi avvicinarmi all’elencazione di quelle che vengono ritenute le cinque principali cause della disoccupazione giovanile: il fattore tempo, le ragioni geografiche e anagrafiche, la mancata corrispondenza tra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disoccupazione
giovani
flexicurity
contratto unico
teoria liberista
teoria interventista
tito boeri

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi