Skip to content

L'infermiere in farmacia: un'opportunità per i cittadini, per le istituzioni e per i professionisti

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Reali
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Gaetano Romigi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

I mutamenti socio-economici del nostro Paese impongono una revisione delle prestazioni sanitarie e delle modalità con cui queste vengono erogate. L'accresciuto bisogno di interventi assistenziali di limitata intensità, la tendenza a limitare il periodo di degenza e l'aumento di cittadini in condizioni di ospedalizzazione domiciliare rendono il territorio oggetto di attenzione da parte degli amministratori delle politiche sanitarie e luogo di sperimentazioni di iniziative inerenti alle cure primarie.
In questo scenario si inseriscono la Legge n. 69 e il Decreto Legislativo n. 153 del 2009 che riconoscono il bisogno di aumentare la capillarità del SSN attraverso la trasformazione delle farmacie in presidi sanitari territoriali e attraverso l'introduzione, all'interno di esse, di figure quali il Fisioterapista e l'Infermiere. L'evoluzione di quest'ultimo, d'altra parte, riflette l'impegno civile e deontologico della professione di rimanere costantemente al passo con i tempi nell'affermazione, sempre maggiore, della sua responsabilità e della sua autonomia.
L'innovazione apportata dalle normative relative alla Farmacia dei Servizi ha stimolato l'approfondimento del tema attraverso questa ricerca con l'obiettivo di raccogliere elementi sufficienti a supporto dell'ipotesi iniziale che identifica nella presenza dell'Infermiere nelle farmacie un'effettiva opportunità per il cittadino, per le istituzioni e per i professionisti stessi.
I dati raccolti attraverso il questionario hanno confermato che i cittadini, sebbene non propriamente consapevoli del percorso formativo dell'Infermiere e dei suoi molteplici ruoli, ne riconoscono il valore professionale, ritenendo fondamentale la sua presenza sul territorio per una adeguata risposta ai bisogni dell'utenza, per migliorare la percezione della qualità del SSN e per prevenire il ricorso improprio all'ospedale.
I cittadini, quindi, attribuiscono all'Infermiere una valenza positiva ed esprimono fiducia nelle sue competenze e nella sua capacità di incidere, anche sotto il profilo educativo, al miglioramento e al mantenimento del benessere individuale e collettivo.
L'indagine svolta pone in risalto anche le chiare opportunità di crescita delle farmacie in termini di accessi, di prestigio, di affidabilità, di qualità e di introiti.
Tali risultati sono supportati anche da un'altra indagine, svolta dall'Università di Pavia sulla sperimentazione della Farmacia dei Servizi a Varese, iniziata a settembre 2011. La ricerca ha evidenziato una netta diminuzione delle richieste di attivazioni di assistenza domiciliare integrata presso i distretti, il contestuale aumento dell'utilizzo del canale aperto presso le farmacie e l'alto livello di soddisfazione degli utenti per la qualità del servizio e per l'abbattimento dei tempi d'attesa.
Ciò avvalora l'ipotesi che professionalità, accessibilità e liste d'attesa sono aspetti fondamentali che influenzano in modo determinante la percezione della qualità del SSN da parte dei cittadini.
Le diverse sperimentazioni in corso sul territorio nazionale analizzate all'interno di questa ricerca testimoniano l'interesse che le istituzioni e gli organismi di rappresentanza delle professioni coinvolte attribuiscono ai contenuti innovativi delle normative, ma suscitano anche alcune riflessioni sulla necessità di disporre di un'organizzazione a livello regionale e distrettuale tale da garantire l'attivazione di una rete assistenziale strutturata ed efficace, senza la quale lo scenario aperto dalla Legge n. 69/2009 finisce per rappresentare un'opportunità solo per la sanità privata e solo per la piccola percentuale di popolazione che dispone di adeguate risorse economiche.
Numerose sono, inoltre, le criticità e i dubbi non risolti che possono ostacolare l'attuazione della legge. Essi sono inerenti ad aspetti gestionali, organizzativi ed operativi. Tra questi, uno riguarda l'autonomia professionale proprio dell'Infermiere che la normativa sembra, di fatto, non riconoscere relegandolo al ruolo di esecutore degli interventi prescritti dal medico di medicina generale e dal pediatra di libera scelta sulla base dell'analisi dei bisogni da loro effettuata.
La ricerca oggetto di questo lavoro non può e non pretende di essere esaustiva, ma può rappresentare uno strumento che, se opportunamente sviluppato, può contribuire all'approfondimento dell'analisi e alla formulazione di proposte mirate al superamento delle barriere che ostacolano la realizzazione di una progetto virtuoso a vantaggio dei cittadini, delle istituzioni e dei professionisti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 PREMESSA Negli ultimi venti anni, il mondo sembra aver subìto un’accelerazione straordinaria nella velocità con la quale si verificano cambiamenti che coinvolgono milioni di persone. L’assetto mondiale, frutto degli equilibri scaturiti dagli esiti della Seconda Guerra Mondiale 1 , sembra, ormai, un ricordo lontano, sebbene non siano trascorsi moltissimi anni dalla caduta del muro di Berlino 2 e dalla fine della “guerra fredda”. Dalla fine degli anni Ottanta ad oggi, abbiamo assistito a sostanziali stravolgimenti che ci hanno proiettato in una realtà sempre più globalizzata in cui ciò che accade in una qualsiasi parte della terra finisce, prima o poi, per avere ripercussioni su tutto il pianeta, sia sotto il profilo economico che sotto quello politico, ambientale, sanitario e sociale. La stretta e dinamica interrelazione tra gli eventi, tipica dei nostri tempi, non deve necessariamente essere vista come una minaccia, ma necessita, tuttavia, di essere sapientemente gestita al fine di evitare che eventuali risvolti negativi inneschino pericolose reazioni a catena. Ne è un esempio la recente crisi economica che, da qualche anno, affligge gran parte del mondo occidentale. Le contromisure che ogni singola nazione mette in atto per 1 Conferenze di Teheran (1943) Yalta e Potsdam (1945). Principali protagonisti furono Stalin (Russia), Roosevelt (Stati Uniti) e Churchill (Regno Unito). Gli ultimi due furono sostituiti nella Conferenza di Potsdam rispettivamente da Truman e Attlee. 2 Avvenuta il 9 novembre 1989.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

farmacia
infermiere
infermiere in farmacia
sanità e territorio
modelli innovativi dell'assistenza
assistenza infermieristica sul territorio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi