Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Seconde Generazioni dell'Immigrazione tra sfide, storie e ricerca d'identità

Un tema molto delicato: come crescere tra due mondi. Come promuovere il benessere psicologico dei "figli degli altri". Il lavoro è nato dall'idea e soprattutto dalla voglia di analizzare e approfondire gli aspetti più rilevanti che caratterizzano i percorsi di vita dei figli dell'immigrazione: le fatiche, le sfide, i disagi e, quindi, in generale un profondo cambiamento di sè, una ridefinizione dei legami, dei punti di riferimento e delgruppo culturale di appartenenza.
Tutto ciò crea una crisi identitaria legata alle due culture di riferimento: si trovano a dover conciliare passato e futuro, memoria e progetto. E' stata presa in considerazione l'importanza del ruolo che la famiglia e la scuola hanno nel processo di costruzione identitaria, nella promozione del benessere psicoogico e nell'adattamento psicosociale dei "figli degli altri". Sono state poi analizzate una serie di azioni preventive in grado di promuovere il benesere psicologico e l'integrazione dei bambini e ragazzi di origine straniera. Il lavoro è stato arrichito e valorizzato dalla tstimonianza di alcuni giovani figli di migranti con l'obiettivo di far riflettere sulla loro esperienza, sulla loro costruzione identitaria e sul loro senso di appartenenza. Inoltre si è voluto mettere in evidenza quanto sia importante allontanare pregiudizi, stereotipi ed etichette; spesso i figli di migranti gestiscono in modo efficace la loro doppia appartenenza ed hanno genitori molto presenti.
Vivere e crescere tra due mondi appare essere una grande opportunità, una grande ricchezza sia per loro e sia per la società che saprà accoglierli.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Eppure mai come oggi di una terza cultura ci sarebbe davvero bisogno: intesa come ponte tra saperi che si allontanano e arroccano nei fortilizi degli specialismi (...) sentiamo l'urgenza di "mediatori culturali", di "terzisti" che sappiano agire come forza di interposizione, seminando un sano scetticismo nei confronti di tutte le autorità e di tutte le verità autoritarie: religiose, ideologiche e anche scientifiche. Ci servono politici, insegnanti, comunicatori all'altezza dei tempi. Ma, a essere sinceri, in giro se ne vedono ben pochi. da V. Lingiardi e N.Vassallo, Terza cultura. Idee per un futuro sostenibile, cit. pp.73-74 L’Italia presenta una situazione migratoria che può definirsi “matura”. Grazie alle nascite nel nostro paese, ai ricongiungimenti familiari e all’arrivo di minori nati altrove, il fenomeno dell’immigrazione ha assunto un carattere consolidato e strutturale, per dirla con le parole di Max Frisch “volevamo delle braccia, sono arrivate delle persone”. Nel giro di pochi anni si è passati da un’immigrazione temporanea e per lavoro, ad un’ immigrazione permanente e di popolamento. Si è ridotta l’invisibilità sociale del migrante e modificati i rapporti interetnici, gli scambi e le interazioni. La nascita e la socializzazione delle seconde generazioni rappresentano una sfida e un fattore di trasformazione irreversibile della società di insediamento, sia dal punto di vista sociale sia culturale e che pone gli operatori ed i servizi dinanzi all’ esigenza di interventi piø efficaci ed idonei sul piano dell’integrazione, inclusione ed uguaglianza sociale. L’Italia sta scoprendo una nuova generazione, nuovi volti ed “inedite identità culturali, fluide, composite, negoziate quotidianamente, in un incessante bricolage di antico e recente, di tradizionale e moderno, di ascritto e acquisito, di elementi trasmessi dall'educazione familiare ed elementi acquisiti nella socializzazione extra-familiare”. 1 La presenza di minori con cittadinanza straniera è un fenomeno che sta conoscendo una straordinaria crescita: nel 2011 si contavano complessivamente 993.238 individui, con un incremento dal 1997 ad oggi pari al 691%. All’inizio del 2013, i minori di origini non italiane rappresentavano il 24,1% della popolazione straniera – nel 2012 erano il 23,9%- e il 9,7% del 1 Ambrosini M., Il futuro in mezzo a noi. Le seconde generazioni scaturite dall’immigrazione nella società italiana dei prossimi anni, in Ambrosini M., Molina S., Seconde generazioni. Un’introduzione al futuro dell’immigrazione in Italia, Edizioni Fondazione Giovanni Agnelli, Torino, 2004.

Tesi di Master

Autore: Klementina Grimci Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4914 click dal 09/10/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.