Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi statistica sul mercato immobiliare

Negli ultimi due/tre anni il settore immobiliare ha rivestito un ruolo particolarmente importante nell’andamento del ciclo economico e finanziario internazionale. In Usa esso ha rappresentato il “luogo” in cui la crisi finanziaria è cominciata nell’estate del 2007 ed è sfociata definitivamente nell’ottobre del 2010. In molti altri paesi, il settore immobiliare è stato al centro di una “bolla” speculativa segnalata da un pronunciato calo delle quotazioni. L’Italia ha conosciuto negli anni, prima dinamiche di crescita del mercato più moderate che altrove e poi, nel passato più recente, riduzioni relativamente più contenute.Tuttavia le difficoltà del settore immobiliare italiano sono state molteplici e differenti nei vari periodi storici e hanno riguardato sia il fronte degli scambi che quello delle quotazioni. Con riguardo ai prezzi, nel secondo semestre del 2009 si sarebbe registrata una contenuta diminuzione in riferimento alle abitazioni. Occorre, tuttavia sottolineare come la diminuzione dei prezzi del mercato immobiliare italiano risulti inferiore a quella verificatasi in altri Paesi, a dimostrazione della maggiore stabilità strutturale del mercato immobiliare stesso, indotta dal minor grado di indebitamento delle famiglie e delle impreseIl combinato effetto della flessione dei prezzi e delle compravendite si è tradotto in sostanza (secondo stime Nomisma ) in una contrazione del 2009 rispetto al 2008 del fatturato italiano del mercato immobiliare di circa il 30%. Nonostante ciò, nell’ultimo periodo, sembrano emergere diffusi segnali di miglioramento del settore: lo affermano soprattutto le previsioni degli operatori che appaiono meno pessimistiche rispetto al passato. Infatti i segnali di risveglio registrati dal mercato immobiliare italiano già nell’ultimo semestre 2009 hanno poi trovato conferma nei primi mesi del 2010.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Negli ultimi due/tre anni il settore immobiliare ha rivestito un ruolo particolarmente importante nell’andamento del ciclo economico e finanziario internazionale. In Usa esso ha rappresentato il “luogo” in cui la crisi finanziaria è cominciata nell’estate del 2007 ed è sfociata definitivamente nell’ottobre del 2010. In molti altri paesi, il settore immobiliare è stato al centro di una “bolla” speculativa segnalata da un pronunciato calo delle quotazioni. L’Italia ha conosciuto negli anni, prima dinamiche di crescita del mercato più moderate che altrove e poi, nel passato più recente, riduzioni relativamente più contenute. Tuttavia le difficoltà del settore immobiliare italiano sono state molteplici e differenti nei vari periodi storici e hanno riguardato sia il fronte degli scambi che quello delle quotazioni. Con riguardo ai prezzi, nel secondo semestre del 2009 si sarebbe registrata una contenuta diminuzione in riferimento alle abitazioni. Occorre, tuttavia sottolineare come la diminuzione dei prezzi del mercato immobiliare italiano risulti inferiore a quella verificatasi in altri Paesi, a dimostrazione della maggiore stabilità strutturale del mercato immobiliare stesso, indotta dal minor grado di indebitamento delle famiglie e delle imprese. Il combinato effetto della flessione dei prezzi e delle compravendite si è tradotto in

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Gianpiero Quinto Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2835 click dal 17/10/2013.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.