Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interventi di adeguamento nei confronti di eventi sismici di un edificio scolastico

Scopo di questo lavoro di tesi è la valutazione della sicurezza di un edificio scolastico in c.a. risalente alla fine degli anni ’60, sismicamente adeguato alle attuali Norme tecniche per le costruzioni mediante una tipologia di controventi denominati eccentrici.
Il progetto originale di tale adeguamento, che ha fornito la base per le valutazioni condotte in questa sede, si basa su un approccio classico al dimensionamento strutturale, il cosiddetto force-based design. Tale metodologia sfrutta prevalentemente l’analisi elastica lineare per modellare strutture cui si richiede una capacità di resistenza e soprattutto di duttilità in campo plastico, dunque non lineare. Mediante fattori di riduzione delle forze, si cerca di predire il reale comportamento della struttura, ipotizzando verificate alcune assunzioni sul comportamento del complesso strutturale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Indice delle tabelle Capitolo 1 Introduzione Scopo di questo lavoro di tesi è la valutazione della sicurezza di un edificio scolastico in c.a. risalente alla fine degli anni ’60, sismicamente adeguato alle attuali Norme tecniche per le costruzioni mediante una tipologia di controventi denominati eccentrici. Il progetto originale di tale adeguamento, che ha fornito la base per le valutazioni condotte in questa sede, si basa su un approccio classico al dimensionamento strutturale, il cosiddetto force-based design. Tale metodologia sfrutta prevalentemente l’analisi elastica lineare per modellare strutture cui si richiede una capacità di resistenza e soprattutto di duttilità in campo plastico, dunque non lineare. Mediante fattori di riduzione delle forze, si cerca di predire il reale comportamento della struttura, ipotizzando verificate alcune assunzioni sul comportamento del complesso strutturale. I problemi e le limitazioni legati a questo tipo di approccio sono discussi brevemente nel Capitolo 2, proponendo di conseguenza un più coerente approccio agli spostamenti (displacement-based design), che valuti la reale non linearità del comportamento strutturale e utilizzi come parametro di riferimento non già un predeterminato livello di resistenza, ma un livello di deformazione accettabile. La metodologia per arrivare a tale risultato è un’analisi statica non lineare, detta analisi di pushover. In estrema sintesi, si rappresentano le forze orizzontali cui la struttura sarà soggetta durante il sisma mediante alcune 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Saverio Catena Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 641 click dal 17/10/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.