Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Cicli Economici

Analisi dei più importanti cicli economici, Juglar, Kondrat'ev, Schumpeter.
Si è iniziato fornendo una definizione di ciclo economico, che in materia viene indicato come un’alternanza di diverse fasi, questo incontra il favore di tutti gli studiosi successivi a Juglar. La trattazione è poi proseguita con una distinzione tra teorie esogene e teorie endogene, le prime sono prevalenti dal punto di vista numerico ma entrambe occupano un posto importante nelle teorizzazioni degli economisti del XX secolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
~ 8 ~ INTRODUZIONE Quali sono le cause delle fluttuazioni economiche? Nel corso dei secoli molti illustri studiosi si sono posti questo interrogativo, in particolar modo dopo la Rivoluzione industriale, fornendo in risposta teorie molto diverse tra loro. Il ciclo economico consiste nell'alternanza di fasi caratterizzate da una diversa intensità dell’attività economica. Gli indici cui fare riferimento per individuare le varie fasi sono molteplici. La maggioranza delle variabili macroeconomiche sono adatte ad un’ indagine, in quanto legate fra loro e quindi espressione comune di cambiamento. Fino ai primi decenni del XX secolo il principale indicatore del ciclo era il livello dei prezzi, che subiva forti oscillazioni relazionate all’andamento dell’economia. Successivamente è iniziata una fase, che ancora dura, in cui il livello dei prezzi mostra un andamento continuamente crescente; l'attenzione si è quindi spostata sui livelli della produzione e dell'occupazione e, una volta definiti dopo la seconda guerra mondiale standard internazionali di contabilità nazionale, si usa la variazione del PIL come principale indicatore. 1 Nei cicli economici sono individuabili alcune fasi: ● fase di prosperità, o boom, in cui il PIL cresce rapidamente; ● fase di recessione, individuata da una diminuzione del PIL in almeno 2 trimestri consecutivi; ● fase di depressione, in cui la produzione ristagna e la disoccupazione si mantiene a livelli elevati; ● fase di ripresa, in cui il PIL ritorna nuovamente a crescere. 2 Nel corso di un ciclo economico è possibile notare diversità sia all'interno dei settori dell'economia sia tra le variabili all'interno di uno stesso settore secondo la fase (nell'occupazione, nei prezzi, ..). Gli studiosi hanno cercato di capire il motivo per cui le variabili economiche mostrino oscillazioni cicliche di durata variabile, la maggior parte di queste spiegazioni vuole determinare tre aspetti essenziali: 1 J. Arévalo, A. Castro, É. Villa,. "Un análisis del ciclo económico en competencia imperfecta," in Revista de Economía Institucional, 4, (2002) pp. 11-12. 2 J. Arévalo, A. Castro, É. Villa,. "Un análisis del ciclo económico en competencia imperfecta," in Revista de Economía Institucional, 4, (2002) pp. 13-15.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Nicolò Bergamin Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1755 click dal 18/10/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.