Skip to content

Il rapporto tra cristiani e pagani nel De civitate Dei di Agostino

Informazioni tesi

  Autore: Angelantonio Di Gregorio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Armando Bisogno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 38

In questo elaborato è stata proposta una lettura del De civitate Dei, trattando come tema principale il confronto tra pagani e cristiani sotto vari aspetti e punti di vista. Agostino cominciò a scrivere la Città di Dio in un periodo violento: il sacco di Roma del 410 ad opera dei Visigoti di Alarico e le accuse rivolte dai pagani nei confronti dei cristiani. Infatti, si diceva che gli dèi erano sdegnati e avevano abbandonato la protezione della città e dell’impero. Quindi Agostino si preoccupò e si propose di ribattere le accuse dei superstiti pagani.
Cercherò di mettere in risalto i punti principali dell’opera che toccano proprio il confronto cristiano-pagano, le giustificazioni e il tentativo di ribaltare le accuse fatte da entrambi. Agostino da buon cristiano e rendendosi conto della situazione poco stabile, si propone di dare un messaggio alla sua comunità e ne introduce uno nuovo e universale. Ecco che entra in gioco anche la Città di Dio, titolo e argomento della sua opera e anche la Città ideale, divina raggiungibile dopo la morte. Una città senza sofferenze e dolori, senza passioni e istinti umani. Notiamo la grande novità di questa città, il suo essere presente ma invisibile.
Incontreremo anche un excursus di storia della filosofia antica, e comprendiamo come Platone e il platonismo era considerato colui che aveva intuito, senza conoscere le scritture, il messaggio divino. Questa spiegazione anche per giustificare la formazione culturale agostiniana, la quale subisce l’influenza platonica, ma allo stesso tempo anche per cercare di dare più credibilità e veridicità al cristianesimo. Platone era un pagano e quindi questo ci porta a pensare su quanto detto.
Concluderò il mio elaborato mettendo in risalto il carattere attuale dell’opera di Agostino, e quindi anche il confronto pagano- cristiano. Cercherò di spiegare che anche noi stiamo vivendo eventi tristi e sempre più gravi e ci troviamo di fronte una disgregazione culturale, sembra quasi di trovarci di fonte ad un trapasso di civiltà, proprio come l’invasione visigota del 410 ad opera di Alarico, che Agostino vive e ci descrive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Agostino cominciò a scrivere il De civitate Dei nel 412; l’opera si articola in ventidue libri, nei quali l’Ipponate cercò di dare fi- ducia alla comunità dei credenti in un’epoca di terribili rivolgi- menti politici e culturali. Il mondo pagano era profondamente ferito nelle sue istituzioni e nella stessa ragione d’essere della sua civiltà; per questo, sembrò voler inasprire le accuse contro i cristiani, ritenuti colpevoli di una dottrina pericolosa sul piano della vita sociale e politica, in- compatibile con la civitas terrena. Agostino sentì la necessità di intervenire, non soltanto per difen- dere la propria fede ma anche per portare un messaggio nuovo e universale che desse senso e significato a un’epoca storica lacera- ta e sconvolta. La sua proposta vedeva nella Città di Dio il luogo in cui poter amare Dio e l’altro in piena libertà. Una città presen- te, ma invisibile, formata dall’insieme degli uomini buoni sulla terra. Per questo in Agostino la Città di Dio non deve essere considera- ta come l’antitesi della civitas romana; bisogna invece prepararsi in quest’ultima per giungere alla prima. È in quest’ottica che Agostino ripensa anche il suo rapporto con la cultura, cercando di indicare, ai cristiani, una possibile media- zione tra la diffidenza nei confronti dei saperi pagani e la magni- ficazione della volontà divina, manifestatasi anche prima della Rivelazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cristianesimo
sant'agostino
paganesimo
agostino
rapporto
cristiani
s. agostino
pagani
de civitate dei
cristiani e pagani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi