Skip to content

Quando la moda si fa spettacolo:il caso Fendi

Informazioni tesi

  Autore: Livia Bruni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: scienze della comunicazione, informazione e marketing
  Corso: comunicazione culturale e forme dello spettacolo
  Relatore: Gennaro Colangelo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

C’era una volta la moda…e c’è ancora!
Che cosa si intende con il termine “moda”?
E’ un fenomeno sociale che consiste nell’affermarsi, in un dato momento storico e in una data area geografica-culturale, di modelli estetici e comportamentali (nel gusto, nello stile, e nelle forme espressive); ad essi si conformano gruppi più o meno vasti, per i quali tali modelli costituiscono al tempo stesso elemento di coesione interna e di riconoscibilità rispetto ad altri gruppi.
In questo senso la moda, rientra nei meccanismi di acculturazione che garantiscono la persistenza nel tempo di usi e vigenze collettive e si differenzia dalla semplice tendenza a ripetere occasionalmente alcuni modelli di comportamento sociale.
Il vocabolo “moda”, fa in genere riferimento all’ambito vestimentario, dell’abbigliamento, nel quale il fenomeno è caratterizzato, soprattutto in tempi recenti, dal rapido succedersi di fogge, forme, materiali, in omaggio a modelli estetici che si affermano come elemento di novità e originalità. Il termine moda deriva dal latino modus, che vuol dire maniera, tempo, norma.
La moda nasce dalla necessità dell’essere umano di coprirsi, inizialmente di pelli e pellicce, poi con il passare del tempo, l’abito assume una funzione sociale, distinguendosi per ceti e mansioni. Con l’alternarsi delle epoche storiche, la moda diventa aspetto e comportamento di una comunità sociale in un dato momento: tutti si mettono in relazione con la moda.
Inizia a germogliare, dapprima in Italia e poi nel resto d’Europa, durante i secoli bui; ma fu in terra di Francia che conobbe una propria e autonoma esistenza grazie all’instancabile lavoro sartoriale chiamato a soddisfare le sempre più insistenti richieste di corte.
La rivoluzione industriale portò una ventata di tecnologica novità anche nell’ambito della pelletteria e dell’abbigliamento; il potenziamento di macchinari industriali, unito all’arte sartoriale, permise un profondo rinnovamento nella concezione della produzione. Ora stoffe e tessuti venivano lavorati direttamente in fabbrica, fornendo al concetto dell’abito, un “taglio” decisamente democratico; tale democratizzazione della moda, ora fruibile anche dai ceti medio-bassi, è concretizzata dall’apertura dei grandi magazzini. L’inaugurazione di luoghi adibiti all’acquisto di ogni genere di capo d’abbigliamento, dai classici cappellini, alle calze, ai soprabiti, costituiva una rivoluzione nella rivoluzione.
L’antesignano di tutti i centri commerciali fu Lafayette inaugurato nel 1912 a Parigi, frequentato maggiormente da nobildonne che trascorrevano intere giornate tra abiti e cosmetici.
Col passare dei decenni, la moda divenne appannaggio anche delle classi meno abbienti; oggi più che mai l’offerta vestimentaria appare eterogenea e variegata, mirata a soddisfare ogni genere di domanda e intelligentemente tesa a solleticare i desideri e le fantasie dei consumatori. Orde di stilisti interpretano la realtà sociale che li racchiude secondo il loro punto di vista, codificando e decodificando il quadro valoriale di riferimento per imprimere al loro brand un significato specifico e predeterminato.
Che cos’è la moda oggi? Che cosa rappresenta per gli attori sociali del XXI secolo?
Per molti è un bel sogno da seguire tutti i mesi sulle riviste, con le anticipazioni delle sfilate su cosa indosseremo durante le prossime stagioni. Per altri è qualcosa di futile, spreco inutile di denaro, un mondo basato sull’apparenza e sull’esteriorità, in cui si investe e spende sempre troppo.
Ma la moda non è soltanto qualcosa da indossare, un abito da “abitare”, un monile da sfoggiare. L’abito è espressione dell’evoluzione del costume, del quadro- contesto sociale di riferimento, delle culture e degli stili di vita, si trova inserito in un rapporto di interdipendenza con le idee dominanti del mondo in cui viviamo. La moda è soprattutto un mezzo per esprimere la propria personalità, il proprio sé sociale, quindi, può essere considerato alla stregua di un tramite, col quale comunicare aspetti non immediatamente visibili.
Lo stile invece è un’altra cosa, è un particolare modo di essere, manifestazione della propria individualità, in quanto ognuno costituisce un essere unico e irripetibile. Lo stile è creatività, fantasia, libertà.
Tuttavia, benché si tratti dell’espressione dell’orientamento individuale, il gusto deve confrontarsi con un sistema di norme sociali che definiscono ciò che in ogni periodo e luogo può essere considerato di moda.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE C’era una volta la moda…e c’è ancora! Che cosa si intende con il termine “moda”? E’ un fenomeno sociale che consiste nell’affermarsi, in un dato momento storico e in una data area geografica-culturale, di modelli estetici e comportamentali (nel gusto, nello stile, e nelle forme espressive); ad essi si conformano gruppi più o meno vasti, per i quali tali modelli costituiscono al tempo stesso elemento di coesione interna e di riconoscibilità rispetto ad altri gruppi. In questo senso la moda, rientra nei meccanismi di acculturazione che garantiscono la persistenza nel tempo di usi e vigenze collettive e si differenzia dalla semplice tendenza a ripetere occasionalmente alcuni modelli di comportamento sociale. Il vocabolo “moda”, fa in genere riferimento all’ambito vestimentario, dell’abbigliamento, nel quale il fenomeno è caratterizzato, soprattutto in tempi recenti, dal rapido succedersi di fogge, forme, materiali, in omaggio a modelli estetici che si affermano come elemento di novità e originalità. Il termine moda deriva dal latino modus, che vuol dire maniera, tempo, norma. La moda nasce dalla necessità dell’essere umano di coprirsi, inizialmente di pelli e pellicce, poi con il passare del tempo, l’abito assume una funzione sociale, distinguendosi per ceti e mansioni. Con l’alternarsi delle epoche storiche, la moda diventa aspetto e comportamento di una comunità sociale in un dato momento: tutti si mettono in relazione con la moda. Inizia a germogliare, dapprima in Italia e poi nel resto d’Europa, durante i secoli bui; ma fu in terra di Francia che conobbe una propria e autonoma esistenza grazie all’instancabile lavoro sartoriale chiamato a soddisfare le sempre più insistenti richieste di corte. La rivoluzione industriale portò una ventata di tecnologica novità anche nell’ambito della pelletteria e dell’abbigliamento; il potenziamento di macchinari industriali, unito 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi