Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

UBI DOLOR IBI VIGILES. Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco dal 1935 al 1945

Una ricerca storico-politica sulla formazione del Corpo dei Vigili del Fuoco durante gli anni '20 e '30 del '900, evidenziando il passaggio dai semplici Corpi Comunali o Locali, che non garantivano un'adeguato servizio antincendi ad uno Nazionale radicato su tutto il territorio. Inoltre, il supporto che i Vigili diedero durante il periodo del secondo conflitto mondiale, sia alla popolazione che allo stesso Esercito Italiano (vedi Operazione C3, la tentata conquista di Malta, 1942) e la situazione dopo l'armistizio del '43 che vedeva una divisione interna al Corpo legato alle vicende della R.S.I.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE I tragici avvenimenti del secondo conflitto mondiale, che iniziano nel 1939 e terminano nel 1945, fanno spesso dimenticare l’entità dei danni ricevuti dal territorio italiano, soggetto, dopo l’armistizio, ad un cambiamento di alleanze e dunque doppiamente colpito dalle vicende belliche. Città come Roma, Napoli, Milano, Torino, Genova e Foggia vengono duramente colpite dai bombardamenti alleati senza esitazione. Inoltre le incursioni aeree sulle nostre città furono compiute soprattutto dopo l'8 settembre 1943 e cioè quando l'Italia aveva già chiesto l'armistizio ed era virtualmente "alleata" degli anglo-americani. Il gen. americano Dwight Eisenhower, comandante in capo delle forze alleate, disse, rivolto alle sue truppe: "Stiamo per invadere e conquistare, col ferro e col fuoco, un Paese [l'Italia] ricco di opere d'arte. Ma voi non fatevi scrupoli e portate a casa la pelle: nessuna opera d'arte può valere quanto la vita di un soldato americano" 1 . 1 Cfr. in Archivio RAI, Fonte televisiva di carattere storico.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Filippo Gentili Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1014 click dal 23/10/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.