Skip to content

Ambienti Virtuali per la sperimentazione di nuovi percorsi didattici basati sulla tecnologia

Informazioni tesi

  Autore: Marina Belli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Interfacoltà Lettere - Informatica
  Corso: Informatica Umanistica
  Relatore: Marcello Carrozzino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

Molti sostengono che senza una base di divertimento non possa esserci apprendimento.
A tal proposito negli ultimi anni è nata una nuova forma di intrattenimento denominata edutainment1, letteralmente “divertimento educativo”, il cui scopo ultimo è quello di educare e divertire allo stesso tempo. Con il termine edutainment ci si riferiva inizialmente a forme di comunicazione finalizzate alla didattica.
Successivamente questa forma d'intrattenimento si è estesa grazie all'utilizzo di nuove tecnologie: i libri infatti sono stati sostituiti da nuovi percorsi sperimentali, come quello della realtà virtuale. Quest'ultima permette infatti di apprendere con maggiore facilità attraverso un approccio più coinvolgente.
L'apprendimento infatti non deve essere indirizzato unicamente ad una nozione teorica, ma deve fornire gli strumenti per meglio comprendere la realtà che ci circonda.
Come è stato accennato, uno dei campi in cui l'edutainment è presente è quello della realtà virtuale, intesa come l'insieme di tecnologie che permettono di ricreare simulazioni di ambienti sia reali che astratti. Lo scopo della mia tesi è quello di approfondire inizialmente gli aspetti teorici e pratici della realtà virtuale e successivamente di utilizzare il know-how acquisito durante il percorso di studi universitari, progettando alcuni tipi di ambienti virtuali a scopo didattico.
1 L'espressione nasce dalla fusione delle parole educational (educativo) ed entertainment (divertimento).
In particolare, verranno presi in considerazione due casi di studio. Il primo caso di studio che verrà descritto all'interno dell'elaborato è la creazione del paesaggio di informazione dedicato all'esploratore norvegese Hans Lilienskiold. Un information landscape (o “paesaggio d'informazione”), è un ambiente virtuale astratto in cui è possibile visualizzare ed apprendere una vasta quantità di informazioni. Questo ambiente è stato sviluppato nell'ambito del progetto MUBIL, con la collaborazione del Laboratorio Percro della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e della Norwegian University of Science and Technology di Trondheim, il cui scopo è quello di utilizzare le nuove tecnologie come strumento di divulgazione culturale, rendendo fruibili in modo virtuale ed interattivo gli antichi volumi della biblioteca universitaria norvegese Gunnerus.
Il secondo caso di studio invece presenta un progetto, nato in collaborazione con la Scuola Media “Galileo Galilei” di Cecina, che ha lo scopo di avvicinare alle nuove tecnologie anche bambini e ragazzi in età scolare. Gli studenti della Classe terza Sez. M sono stati coinvolti nella ricostruzione virtuale della loro aula e successivamente nella progettazione e nello sviluppo della loro scuola ideale attraverso l'utilizzo di software per la modellazione tridimensionale (in particolare 3D Studio Max).
Gli alunni hanno poi avuto modo di visitare il laboratorio PERCRO, dove hanno avuto la possibilità di testare in prima persona all'interno del Cave i risultati delle idee emerse in classe durante le lezioni di laboratorio fatte con i docenti del PERCRO.
La finalità principale della tesi è quella di comprendere ed analizzare come le tecnologie virtuali possano riuscire ad attrarre oggi una grande e differenziata fetta di pubblico, che spazia dalle persone adulte ai più piccoli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 La realtà virtuale “È un fatto importante, ancor che comunemente noto, che le apparenze molto spesso ingannano.” Guida Galattica per Autostoppisti Cos'è la realtà virtuale? Un ambiente? Un'interfaccia? Una tecnologia? Definire il termine “realtà virtuale” in modo univoco è complesso in quanto si tratta di una macrodisciplina che racchiude al suo interno molti altri campi di studio, come l'informatica, la psicologia, ma anche la storia, l'arte e la sociologia. Il termine “realtà virtuale” (in inglese virtual reality) venne coniato per la prima volta a fine anni Ottanta dall'informatico Jaron Lanier, per indicare uno strumento che permette non tanto di ricreare la realtà nella sua interezza, quanto di simularne alcuni aspetti: in particolare quelli connessi al particolare compito che deve essere eseguito all'interno di uno specifico contesto. Il fine della realtà virtuale non è quindi quello di ricostruire autenticamente la realtà, bensì di convincere l'utente di essere nella realtà, in modo che possa eseguire con naturalezza il task a lui assegnato. 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi