Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sindrome di Prader - Willi. Uno studio sperimentale del deficit di Working Memory.

La sindrome di Prader – Willi (PWS) è una complessa patologia di origine genetica, causata dalla perdita di geni sul cromosoma 15, generalmente ereditato da padre, in una regione etichettata 15q11-q13 ed è caratterizzata da diverse manifestazioni patologiche, tra le quali si evidenziano il disordine comportamentale, l'iperfagia, lo skin – picking, il ritardo mentale da lieve a grave e il deficit di working memory. Alcune manifestazioni della sindrome sono imputabili alla disfunzione ipotalamica correlata alla sindrome: iperfagia, irregolarità del ciclo sonno-veglia, riduzione dei livelli di ormone sessuale, bassa statura e memoria. Il presente lavoro ha lo scopo di esporre i risultati relativi ad un'indagine sui principali aspetti della sindrome condotta su un campione di 20 soggetti e, in particolare, gli esiti relativi ad un test di working memory (WM) verbale e visuo-spaziale a cui sono stati sottoposti il gruppo sperimentale, formato da 9 soggetti affetti da PWS, e un gruppo di controllo, formato da 68 soggetti con sviluppo tipico.Tali risultati hanno evidenziato che nei pazienti affetti da PWS le performance di WM sono significativamente inferiori a quelle di persone sane, soprattutto nei compiti inerenti la working memory di tipo verbale.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro di tesi ha l'ambizioso obiettivo di descrivere, dal punto di vista delle manifestazioni patologiche, sia a livello comportamentale che cognitivo, la sindrome di Prader – Willi (PWS); mira, inoltre, a confrontare le performance di Working Memory tra soggetti affetti da PWS e soggetti normodotati. Tale ricerca non si inserisce in un quadro di studi universitari già avviati, ma, con l'aiuto del Prof. Rossi e della Prof.ssa De Caro, è frutto della mia personale voglia di indagare riguardo tale patologia rara, presente nella mia stessa famiglia. Il lavoro è composto da tre parti fondamentali: la prima, costituita dai primi tre capitoli, è di tipo compilativo e cerca di spiegare la sindrome di Prader – Willi in linee generali, la disfunzione ipotalamica in essa presente e in ultimo è presente una breve rassegna sul disturbo compulsivo, sintomo caratterizzante la sindrome; la seconda parte è un'indagine sulle principali manifestazioni che caratterizzano la sindrome; la terza, la parte sperimentale, riguarda il deficit di Working Memory. Nel primo capitolo viene descritta la PWS sotto diversi profili: genetico, diagnostico, sintomatologico e dello sviluppo. In questo capitolo, ho voluto affrontare, anche se non troppo approfonditamente, l'analisi differenziale con la sindrome di Angelman, lo spettro autistico in soggetti affetti da PWS e le ripercussioni della sindrome nell'ambito familiare. Nel secondo capitolo ho esaminato alcuni aspetti della PWS collegati alla disfunzione ipotalamica, come l'iperfagia, i disturbi del ciclo sonno-veglia, le disfunzioni a livello riproduttivo e i disturbi della memoria. La copiosità di tale capitolo risente, in maniera profonda, della scarsa mole di lavori e riferimenti esistenti in materia. Il terzo capitolo è costituito da una breve rassegna che riassume i principali contributi delle precedenti ricerche riguardo il disturbo compulsivo della PWS, che si manifesta nella specifica forma dello skin-picking, elaborata anche grazie all'aiuto prestatomi dal Prof. Giulio Lancioni e dal Prof. Fabrizio Stasolla. 7

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Gaia Giannini Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1350 click dal 22/10/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.