Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I modelli di autovalutazione del rischio e della solvibilità delle compagnie di assicurazione: i modelli ORSA

L’obiettivo del mio lavoro di tesi è la presentazione di un processo innovativo introdotto dal secondo pilastro della Direttiva Solvency II: il MODELLO DI AUTOVALUTAZIONE “OWN RISK AND SOLVENCY ASSESSMENT”, noto con l’acronimo “ORSA”.
L’Own Risk and Solvency Assessment è uno dei requisiti più innovativi previsti dal regime Solvency II. Gli articoli 45 e 246 della Direttiva Solvency II prevedono l’obbligo, rispettivamente a carico delle imprese singole e dei gruppi, di condurre, come parte integrante del proprio sistema di risk management, una valutazione completa del profilo di rischio e di solvibilità. Si tratta di una valutazione globale, che considera tutti i rischi, quantificabili e non, oltrepassa l’orizzonte temporale annuale previsto per il calcolo del Solvency Capital Requirement e si estende lungo l’arco previsto dal business plan aziendale.
In questo lavoro ho messo a confronto il modello ORSA di due gruppi assicurativi italiani: il Gruppo Unipol e il Gruppo Generali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il settore assicurativo svolge da sempre un ruolo fondamentale all’interno del sistema finanziario ed economico internazionale sia a livello microeconomico, attraverso la copertura di rischi che un singolo individuo non sarebbe in grado di affrontare con le proprie sole forze, sia macroeconomico, contribuendo a rafforzare l’efficienza e la stabilità dell’economia tramite il trasferimento dei rischi. Le compagnie di assicurazione sono soggette al rischio di insolvenza, come le imprese di qualsiasi settore, ma in questo ambito poiché il business consiste nell’assunzione di rischi, vale a dire nella “vendita” di sicurezza, il tema della solvibilità assume un’importanza ancora più rilevante. A livello europeo, si è dato vita ad una serie di lavori e di progetti che hanno dapprima portato alla redazione, nel 2002, di un insieme di direttive che ha preso il nome di Solvency I e, successivamente, alla luce delle lacune riscontrate in tale sistema di vigilanza, alla stesura di un’unica direttiva comunitaria, nota come Solvency II, che è stata pubblicata nel 2009 e che ha apportato dei sostanziali cambiamenti nella valutazione della solvibilità delle compagnie di assicurazione, le quali, grazie alla nuova regolamentazione, si troveranno obbligate ad avere una sempre maggiore consapevolezza del proprio profilo di rischio.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Biagio Napolano Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9515 click dal 24/10/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.