Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio sociolinguistico e semiotico di uno spot Barilla degli anni Ottanta

Questa ricerca si propone di svolgere un'analisi delle strategie comunicative e semiotiche ricorse nello spot Barilla (la bambina ed il gattino) messo in onda nel 1987 e di studiarne i meccanismi narrativi e plastici messi in opera dal professionista del filmato.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Negli ultimi decenni, si è assistito ad una rapida e continua evoluzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione di massa. Ormai, la società moderna basa quasi tutte le sue attività economiche sulla produzione dei servizi in cui si manipolano le informazioni e sul valore economico della conoscenza come risorsa strategica. Questa nuova tecnologia dell’informazione e tutti i messaggi ed i programmi che ci vengono trasmessi influenzano non solo tutte le attività e gli atteggiamenti degli individui e delle imprese ma anche gli eventi socio-economici e politici di una società intera 1 . Fra le varie rubriche proposte da questi nuovi mezzi tecnologici vi è il messaggio pubblicitario, considerato oggi il motore dell’economia che va di pari passo con le esigenze sociali, politiche e culturali di un paese. In questo lavoro, ci interesseremo dello studio sociolinguistico e semiotico di un messaggio pubblicitario commerciale italiano messo in onda nel 1987 per il marchio di pasta Barilla. Trattare un argomento del genere ci pare abbastanza emblematico poiché, proprio in quel periodo, lo scenario della pubblicità italiana cambia a fondo grazie all’evoluzione del sistema mediatico ed alla percezione di un nuovo miracolo economico. Infatti, l’invenzione della televisione a colori costituisce in sè una rivoluzione culturale perché il linguaggio pubblicitario puo` giovarsi di possibilità espressive maggiori che i pubblicitari sfruttano. Va aggiunto che, in quel periodo, sono legalizzati i canali televisivi privati che permettono l’incremento degli investimenti pubblicitari. Nel 1981, nasce il consorzio Canale 5 che consolida il nuovo polo di riferimento della televisione italiana basato sulla raccolta pubblicitaria e capace di presentare un’alternativa alla televisione pubblica. Tutti questi cambiamenti generano principalmente due grandi novità nel settore pubblicitario : la trasformazione del mondo produttivo e la diffusione dei “new media”. 1 www.wikipedia.org

Tesi di Master

Autore: Asma Skander Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1576 click dal 06/11/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.