Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il by-pass femoro distale con vena

ABSTRACT
IL BY-PASS FEMORO DISTALE CON VENA “SAFENA IN SITU”
Il ruolo e il valore della chirurgia ricostruttiva arteriosa nel tratto femoro-popliteo e distale è stato contrassegnato da notevoli progressi che hanno permesso di trattare avanzate e diffuse lesioni arteriosclerotiche minaccianti la vitalità dell’arto, portando la rivascolarizzazione fino in sede distale con percentuali di risultati immediati e a distanza più che incoraggianti.
La possibilità di poter effettuare by-pass distali rispetto al tratto femoro-popliteo è stata da tempo codificata, stabilendo gli approcci chirurgici nelle rivascolarizzazioni di severe ischemie degli arti inferiori.
Indubbiamente il materiale che si è dimostrato maggiormente affidabile è rappresentato dalla vena safena autologa: si è infatti ormai concordi nel considerare i by-pass venosi distali degli arti inferiori più duraturi rispetto a quelli protesici.
L’intervento di “safena in situ” rappresenta il trattamento chirurgico d’elezione in due situazioni cliniche ben precise:
1) Ischemia critica minacciante l’arto;
2) Claudicatio grave invalidante.
Nel primo caso la “safena in situ” rappresenta un intervento di salvataggio, l’ultima possibilità per un paziente prima di essere sottoposto ad amputazione.
La possibilità di rivascolarizzazione deve comunque tenere conto delle lesioni di tipo irreversibile e della eventuale impossibilità di eseguire amputazioni parcellari ; la necrosi calcaneare costituisce pertanto una controindicazione all’intervento in quanto non esclude un’amputazione di gamba.
Nel secondo caso l’intervento di “safena in situ” rappresenta un valido mezzo per migliorare indiscutibilmente la qualità di vita del paziente arteriopatico, candidato in breve tempo ad un’evoluzione peggiorativa.
Oggi l’intervento di “safena in situ” è affidabile e sicuro. In ultima analisi l’affinamento delle tecniche diagnostiche ed anche chirurgiche ci permette di esprimere un giudizio attendibile sulla durata del by-pass stesso.
Essendo una tesi di diploma in disegno chirurgico di patologia chirurgica e tecnica operatoria, è corredata da illustrazioni che chiarificano i passaggi principali dell’intervento.

BIBLIOGRAFIA

AGRIFOGLIO G., MONTORSI W., DONATI G. C.: Flebologia.
Masson Ed. 1983
ASCENZI A., MOTTURA G.: Trattato di anatomia patologica.
UTET Ed. 1989; 1: 353-370
BANDYK D. F.: Haemodinamics of in situ saphenous vein arterial by-pass.
Arch. Surg. 1988; 123: 477 482
BRODY: Changes in vein grafts.
J. Thorac. Cardiovasc. Surg. 1972; 64: 847-863.
BUCHBINDER D.: In situ tibial reconstruction.
Ann. Surg. 1988; 207: 184-188
CARNEY W. Y., BALKO A., BARRET M. S.: In situ femoropopliteal and intrapopliteal by-pass.
Arch. Surg. 1985; 120: 812-16
DONALDSON M. C.: Doppler detection of arteriovenous fistulas after in situ saphenous vein by-pass.
Am. J. Surg. 1988; 155: 263-265
FOGLE M. A., WHITEMORE A. D., COUCH N. P., MENNICK J. A. : A comparison of in situ and reversed saphenous vein grafts for infrainguinal reconstruction.
1977 ; 91-314
FONTAINE R., BUCK P., RIVEAUX R., KIM M., HUBINOT J. : Sur le traitment de obliterations arteriousis de le valeur respective des thrombectomies at thromboendo-arteriectomies des shunts arterioveneux et des graffes vasculaire.
Lyon Chir. 1951 ; 46, 70
GOYANES J.: Nuevos tarabajos de la chirurgia vascular, sobstitution plastica de las arterias por las venas o arterioplastica venosa, aplicada como nuove metodo al tramiento de los aneurismas.
El Siglo Med. 1906; 53: 446
GRAY H.: ANATOMIA DEL GRAY 1985, Zanichelli Ed.
HALL K. V.: The great saphenous vein used in situ as an arterial shunt after extirpation off the vein valves.
Surgery 1962; 51:492-495
The great saphenous vein.

Mostra/Nascondi contenuto.
-- 1 INTRODUZIONE Il ruolo e il valore della chirurgia ricostruttiva arteriosa nel tratto femoro-popliteo e distale é stato contrassegnato da notevoli progressi che hanno permesso di trattare avanzate e diffuse lesioni arteriosclerotiche minaccianti la vitalità dell’arto, portando la rivascolarizzazione fino in sede distale con percentuali di risultati immediati e a distanza più che incoraggianti. La possibilità di poter effettuare by-pass distali rispetto al tratto femoro-popliteo é stata da tempo codificata, stabilendo gli approcci chirurgici nelle rivascolarizzazioni di severe ischemie degli arti inferiori. Indubbiamente il materiale che si é dimostrato maggiormente affidabile è rappresentato dalla vena safena autologa: si é infatti ormai concordi nel considerare i by-pass venosi distali degli arti inferiori più duraturi rispetto a quelli protesici. L’intervento di “safena in situ” rappresenta il trattamento chirurgico d’elezione in due situazioni cliniche ben precise: 1) Ischemia critica minacciante l’arto; 2) Claudicatio grave invalidante. Nel primo caso la “safena in situ” rappresenta un intervento di salvataggio, l’ultima possibilità per un paziente prima di essere sottoposto ad amputazione. La possibilità di rivascolarizzazione deve comunque tenere conto delle lesioni di tipo irreversibile e della eventuale impossibilità di eseguire amputazioni parcellari ; la necrosi calcaneare costituisce pertanto una controindicazione all’intervento in quanto non esclude un’amputazione di gamba. Nel secondo caso l’intervento di “safena in situ” rappresenta un valido mezzo per migliorare indiscutibilmente la qualità di vita del paziente arteriopatico, candidato in breve tempo ad un’evoluzione peggiorativa. Oggi l’intervento di “safena in situ” é affidabile e sicuro. In ultima analisi l’affinamento delle tecniche diagnostiche ed anche chirurgiche ci permette di esprimere un giudizio attendibile sulla durata del by-pass stesso.

Diploma di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Giulia Baccarani Contatta »

Composta da 26 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5591 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.