Skip to content

Aggressività ed Intelligenza Emotiva. Contributo di ricerca.

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Martello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Karin Bagnato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

Le basi anatomiche delle emozioni sono rintracciabili nelle strutture più primitive e più interne localizzate nel sistema limbico, a cui giungono gli input ambientali prima di raggiungere le aree superiori della corteccia coinvolte, a seconda del compito di adattamento richiesto, in modo diverso.
Questo approccio anatomico-funzionale comporta l'evidenza tangibile della posizione centrale dei circuiti neuronali emozionali, che implica il continuo coinvolgimento delle strutture affettive prima che lo stato di attivazione si propaghi in aree superiori, condizione a cui consegue una concezione dell'Intelligenza Emotiva come meta-abilità , ossia come una capacità che consente di servirsi di altre capacità superiori attraverso la gestione dell'esperienza emotiva. Tale abilità complessa funziona ottimizzando la circolazione emotiva ed è centrale nel quotidiano processo di adattamento che è alla base di una sana vita psichica.
Tutto ciò è possibile perché il nostro cervello è un organo che risponde a stimoli esterni e interni; conseguentemente i modi in cui viviamo i nostri stati d'animo generano modificazioni fisiologiche che possono influenzare la durata e l'intensità dell'attivazione delle aree cerebrali deputate ai vissuti emotivi.
Notiamo dunque come l’Intelligenza Emotiva sia compagna costante delle relazioni che un individuo si trova ogni giorno a vivere.
Pochi studiosi si sono concentrati sull’analisi del rapporto tra Intelligenza Emotiva e comportamenti aggressivi, ma negli ultimi decenni molte ricerche hanno sottolineato il ruolo dell’emotività su questo tipo di comportamenti. In particolare è emerso che i bambini che manifestano comportamenti problematici, hanno carenze nella comprensione emotiva e nell’identificazione dei cue (indizi) emotivi (Cook et al., 1994), così come mostrano alcuni deficit nell’elaborazione delle emozioni, come, ad esempio, l’attribuzione disfunzionale delle emozioni e l’attribuzione errata di rabbia.
Il lavoro di ricerca svolto in questa tesi ha lo scopo di analizzare la relazione tra Intelligenza Emotiva e la manifestazione di comportamenti aggressivi al fine di verificare se i soggetti aggressivi sono in possesso o meno di un quoziente di Intelligenza Emotiva generale molto basso. Ciò permetterebbe di portare avanti l’ipotesi secondo cui la mancanza di competenza emotiva – in particolare, la capacità di autoregolazione emotiva e l’autocontrollo – sia un fattore coinvolto nella manifestazione di comportamenti aggressivi.
Nel primo capitolo si è approfondito l’argomento inerenti comportamenti aggressivi, ovvero la definizione di cosa si intende per aggressività, le diverse manifestazioni comportamentali di tipo aggressivo, i fattori che possono causare il manifestarsi e il protrarsi degli stessi, le strategie di fronteggiamento per la risoluzione pratica dei problemi ed anche per la gestione delle proprie emozioni e dello stress derivato dal contatto con i problemi.
Nel secondo capitolo si è descritto un quadro ampio sulle varie teorie che negli ultimi decenni si sono interessate all’Intelligenza Emotiva, cercando di descriverla e di capirne il ruolo, non poco rilevante, che essa ha nella vita relazionale di un individuo. Il ruolo primario che l’Intelligenza Emotiva ricopre nella vita di un individuo, qualora questa non sia stata ben sviluppata attraverso la sua valorizzazione e l’educazione emozionale, può comportare problemi di disadattamento relazionale che fa vedere come unica via di fuga l’assunzione di comportamenti inappropriati e aggressivi, unico tipo di comportamenti che il più delle volte è presente nel repertorio comportamentale di alcuni individui.
Infine, nel terzo capitolo si sviluppa in modo dettagliato il lavoro di ricerca che ha analizzato il comportamento di un campione di minori, cercando di indagare, appunto, sulla correlazione tra Intelligenza Emotiva e aggressività. Il lavoro è stato svolto attraverso alcune metodologie, tra cui l’osservazione diretta in classe per individuare i soggetti che rispondevano alle caratteristiche di comportamento aggressivo, e la somministrazione di un test individuale per la verifica del grado di Intelligenza Emotiva presente nel soggetto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Le basi anatomiche delle emozioni sono rintracciabili nelle strutture più primitive e più interne localizzate nel sistema limbico, a cui giungono gli input ambientali prima di raggiungere le aree superiori della corteccia coinvolte, a seconda del compito di adattamento richiesto, in modo diverso. Questo approccio anatomico-funzionale comporta l'evidenza tangibile della posizione centrale dei circuiti neuronali emozionali, che implica il continuo coinvolgimento delle strutture affettive prima che lo stato di attivazione si propaghi in aree superiori, condizione a cui consegue una concezione dell'Intelligenza Emotiva come meta-abilità , ossia come una capacità che consente di servirsi di altre capacità superiori attraverso la gestione dell'esperienza emotiva. Tale abilità complessa funziona ottimizzando la circolazione emotiva ed è centrale nel quotidiano processo di adattamento che è alla base di una sana vita psichica. Tutto ciò è possibile perché il nostro cervello è un organo che risponde a stimoli esterni e interni; conseguentemente i modi in cui viviamo i nostri stati d'animo generano modificazioni fisiologiche che possono influenzare la durata e l'intensità dell'attivazione delle aree cerebrali deputate ai vissuti emotivi. Notiamo dunque come l’Intelligenza Emotiva sia compagna costante delle relazioni che un individuo si trova ogni giorno a vivere. Pochi studiosi si sono concentrati sull’analisi del rapporto tra Intelligenza Emotiva e comportamenti aggressivi, ma negli ultimi decenni molte ricerche hanno sottolineato il ruolo dell’emotività su questo tipo di comportamenti. In particolare è emerso che i bambini che manifestano comportamenti problematici, hanno carenze nella comprensione emotiva e nell’identificazione dei cue (indizi) emotivi (Cook et al., 1994), così come mostrano alcuni deficit nell’elaborazione delle emozioni, come, ad esempio, l’attribuzione disfunzionale delle emozioni e l’attribuzione errata di rabbia. Il presente lavoro ha lo scopo di analizzare la relazione tra Intelligenza Emotiva e la manifestazione di comportamenti aggressivi al fine di verificare se i soggetti aggressivi sono in possesso o meno di un quoziente di Intelligenza Emotiva generale molto basso. Ciò permetterebbe di portare avanti l’ipotesi secondo cui la mancanza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi