Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Certificazione etica e ISO26000

Le imprese di ogni genere hanno ormai sviluppato la consapevolezza dell’importanza di dover investire in attività etiche e socialmente responsabili cambiando il proprio modo di fare affari. La Responsabilità Sociale delle Imprese viene definita dal Libro Verde come “l’integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali ed ecologiche delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate. Essere socialmente responsabili non significa solo soddisfare gli obblighi giuridici ma anche andare al di là investendo sul capitale umano, sull’ambiente e nei rapporti con le parti interessate”.
Secondo questa visione, le imprese non possono più ignorare l’importanza dei propri comportamenti e non possono prescindere dall’avere una responsabilità sociale, ormai considerata uno strumento fondamentale per le imprese che vogliono produrre esternalità positive sulla società, sull’ambiente e rafforzare il loro vantaggio competitivo. A questo proposito la RSI è strategica poiché coniuga un comportamento eticamente corretto con il raggiungimento degli obiettivi dell’impresa.
Tuttavia alcuni autori, osservando il contesto attuale e la continua creazione e diffusione di standard di certificazione e strumenti di report, ritengono che le imprese li utilizzino semplicemente come mezzi per giustificare le proprie azioni all’esterno con l’unico obiettivo di ottenere consenso, preoccupandosi quindi solo della dimensione esterna facendogli assumere un significato formale

Mostra/Nascondi contenuto.
8 1.1 Evoluzione Storica Il discorso sulla Responsabilità Sociale delle imprese, si sviluppa a livello internazionale già dagli anni trenta del secolo scorso quando si comincia a parlare dei doveri fiduciari dei Manager 1 portando a considerare l’impresa anche come un soggetto al servizio della comunità e non più esclusivamente come una fonte di profitto a favore dei proprietari. Successivamente, negli anni 40 Ducker realizza una nuova descrizione dell’impresa definendola come : “un’ istituzione sociale finalizzata all’integrazione dei lavoratori considerati soggetti primari sia all’interno del sistema industriale sia all’ interno della società” 2 . Nel corso del decennio successivo, Bowen sviluppa un approccio diverso che pone come importante vincolo per le scelte dell’impresa; il dovere di rispettare i valori della società, portando a non riferire più la responsabilità alle singole azioni di imprenditori e dirigenti ma al soggetto impresa. Negli anni 80 si ha un importante svolta per lo sviluppo della Responsabilità Sociale dell’impresa, con l’affermazione della stakeholder theory, secondo cui l’attività dell’impresa deve orientarsi verso la soddisfazione degli interessi e bisogni di un sistema di soggetti più ampio del ristretto gruppo dei titolari dell’impresa. Infine, negli ultimi decenni, la situazione economica mondiale ha subito numerosi cambiamenti, ed in questo scenario in continua evoluzione 1 A.A. Berle, “Corporate Powers as Powers in Trust”, Harvard Law Review, 44, 1931, p.1049 2 P.F. Ducker, The Concept of the Corporation, The New American Library, New York, 1946, p. 137

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Spatafora Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1293 click dal 04/03/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.