Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prove sperimentali su materiali compositi in fibra di carbonio e calcolo degli ammissibili

Le prove sperimentali sono state commissionate dall'azienda Alenia Aermacchi, che ha fornito sei diverse tipologie di materiale composito in fibra di carbonio. I test sono stati eseguiti nel laboratorio presso la Sezione Aerospaziale del Dipartimento di Ingegneria Industriale, secondo gli standard prescritti dalla normativa. Lo scopo delle prove era quello di determinare i valori di resistenza ultima per i sei lotti di materiale composito in due diverse condizioni di carico, compressione e trazione. Successivamente, a partire dai risultati sperimentali, si sono ricavati gli ammissibili per confrontare il comportamento dei diversi materiali. Per il calcolo degli ammissibili B-basis e A-basis si è utilizzata una procedura statistica basata sulle distribuzioni di Weibull, Normale e Lognormale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Prove sperimentali su materiali compositi in fibra di carbonio e calcolo degli ammissibili 6 Capitolo 1 Introduzione ai materiali compositi 1.1 Definizione e cenni storici sui materiali compositi La pratica di combinare materiali diversi per ottenere prodotti di qualità superiore ha origini antiche. In tempi remoti, ad esempio, sono stati utilizzati mattoni di fango, rinforzati con paglia per costruire case; più di recente l’uso di calcestruzzo e di barre d’acciaio come rinforzo ha permesso la costruzione di edifici moderni, ponti, ecc.. Oggi è possibile realizzare le strutture dei velivoli con materiali composti da una matrice rinforzata da fibre. Numerosi esempi di compositi sono presenti anche in natura, come il bamboo che è un composto filamentoso. In passato il legno è stato molto utilizzato come composito naturale, le varie tecniche di lavorazione avevano lo scopo di esaltarne le proprietà favorevoli ed eliminare quelle indesiderate per una certa applicazione. Nei primi anni ’60 la diffusione di filamenti di boro, inseriti in una matrice di resina epossidica, ha dato origine a una nuova generazione di materiali compositi. Da allora sono

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Ingegneria

Autore: Filippo Di Giacomo Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1515 click dal 30/10/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.