Skip to content

Valutazione di incidenza relativa alla messa in produzione di una centrale idroelettrica sul fiume Aterno

Informazioni tesi

  Autore: Luca Tatone
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Angelo Galli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

La biodiversità, o diversità biologica, è il risultato del processo evolutivo che ha generato attraverso la selezione naturale, nel corso dei millenni, la grande varietà delle specie viventi animali e vegetali che popolano il nostro pianeta. Tale varietà è considerata in ecologia un patrimonio prezioso in quanto sinonimo di salute ambientale. Un ambiente, infatti, è tanto meno “a rischio” nei confronti di fattori di disturbo, quanto più è “ricco” di specie diverse poiché geneticamente attrezzato per sopravvivere a futuri cambiamenti. Al contrario, gli ambienti semplificati sono vulnerabili e rischiano il collasso qualora intervengano modificazioni che direttamente mettano in crisi le poche entità genetiche presenti.
Oggi a causa del progressivo incremento dei fattori di inquinamento quali la presenza diffusa di infrastrutture, di insediamenti produttivi e di centri urbani si registra in tutto il mondo una significativa riduzione degli habitat naturali che sono minacciati seriamente nel loro patrimonio di biodiversità. Per tale ragione dalla seconda metà del ‘900 è stata introdotta un’importante sequenza di convenzioni internazionali, ad iniziare da quella di Parigi del 1950, con la quale il problema della tutela della flora e della fauna è stato prepotentemente posto all’attenzione del potere politico. In particolare, il decennio 1990-2000 ha visto fiorire le misure più efficaci in questa direzione che hanno, nella Conferenza di Rio de Janeiro del 1992 (“Convenzione sulla Biodiversità”) il primo e più importante accordo globale su tale tema. Con tale convenzione è stata riconosciuta la conservazione, in situ, degli ecosistemi e degli habitat naturali come priorità da perseguire, ponendosi come obiettivo quello di “anticipare, prevenire ed attaccare alla fonte le cause di significativa riduzione o perdita della biodiversità biologica in considerazione del suo valore intrinseco e dei suoi valori ecologici, genetici, sociali, economici, scientifici, educativi, culturali, ricreativi ed estetici”.
Un momento chiave nel campo della conservazione della natura è, tuttavia, da ritrovare nella emanazione delle Direttive della Comunità Europea che hanno un valore assai più vincolante di quello delle Convenzioni. Oggi, infatti, le direttive in tema ambientale sono state largamente recepite costituendo il fondamento legislativo dei Paesi Membri.
Il cuore della legislazione Comunitaria in tema di protezione della biodiversità è costituito dalle Direttive 92/43/CEE “Habitat” e 79/409/CEE “Uccelli”. Il merito principale di tali norme è da considerarsi l’istituzione di siti di tutela della biodiversità costituenti una rete ecologica di salvaguardia degli habitat e delle specie animali e vegetali: la rete Natura 2000. Inoltre, la Direttiva “Habitat” ha creato anche gli strumenti per la creazione e la difesa di tale rete ecologica, tra i quali assume grande importanza l’applicazione di una nuova procedura di valutazione ambientale: la Valutazione di Incidenza.
L’obiettivo fondamentale della Valutazione di Incidenza è valutare le eventuali interferenze che determinati piani o progetti possano provocare sui suddetti habitat di elevato pregio ambientale.
Con la presente Tesi di laurea si intende applicare tale procedura ad un progetto di utilizzo di una centrale idroelettrica sul fiume Aterno in località Raiano (Aq) ricadente in due siti di rete Natura 2000.

Lo studio di Tesi si articola in tre capitoli.
-Nel primo capitolo si illustrano le norme fondamentali che costituiscono il background conoscitivo che sovrintende lo studio di Tesi.
-Il secondo capitolo introduce il caso pratico di studio, illustrando tutti quei fattori che hanno reso necessaria l’applicazione della suddetta procedura.
-Nel terzo capitolo vengono trattati ed approfonditi gli aspetti pratici di valutazione degli impatti che la messa in produzione della centrale idroelettrica potrebbe provocare sugli habitat e sulle specie protette all’interno dell’area di studio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La biodiversità, o diversità biologica, è il risultato del processo evolutivo che ha generato attraverso la selezione naturale, nel corso dei millenni, la grande varietà delle specie viventi animali e vegetali che popolano il nostro pianeta. Tale varietà è considerata in ecologia un patrimonio prezioso in quanto sinonimo di salute ambientale. Un ambiente, infatti, è tanto meno “a rischio” nei confronti di fattori di disturbo, quanto più è “ricco” di specie diverse poiché geneticamente attrezzato per sopravvivere a futuri cambiamenti. Al contrario, gli ambienti semplificati sono vulnerabili e rischiano il collasso qualora intervengano modificazioni che direttamente mettano in crisi le poche entità genetiche presenti. Oggi a causa del progressivo incremento dei fattori di inquinamento quali la presenza diffusa di infrastrutture, di insediamenti produttivi e di centri urbani si registra in tutto il mondo una significativa riduzione degli habitat naturali che sono minacciati seriamente nel loro patrimonio di biodiversità. Per tale ragione dalla seconda metà del ‘900 è stata introdotta un’importante sequenza di convenzioni internazionali, ad iniziare da quella di Parigi del 1950, con la quale il problema della tutela della flora e della fauna è stato prepotentemente posto all’attenzione del potere politico. In particolare, il decennio 1990-2000 ha visto fiorire le misure più efficaci in questa direzione che hanno, nella Conferenza di Rio de Janeiro del 1992 (“Convenzione sulla Biodiversità”) il primo e più importante accordo globale su tale tema. Con tale convenzione è stata riconosciuta la conservazione, in situ, degli ecosistemi e degli 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia ambientale
indice funzionalità fluviale
direttiva habitat
direttiva uccelli
rete natura 2000
valutazione di incidenza
92/43/cee
79/409/cee
indice biologico esteso
luca tatone

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi