Skip to content

Gli strumenti di tutela delle parti nei rapporti tra contratto preliminare e contratto definitivo

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Sala
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Franco Anelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 184

Scopo della tesi è un’analisi dei mezzi di tutela a disposizione dei contraenti - con particolare riferimento alla posizione del promissario-acquirente - di fronte a sopravvenienze, vizi e difformità emersi dopo la stipulazione di un contratto preliminare, anche in sede di giudizio ex art. 2932 c.c.
Nel contesto del “gioco di specchi” tra preliminare e definitivo e della scarna disciplina codicistica in materia, ci si avvale dell’ausilio della giurisprudenza e della dottrina che, pur rimanendo fedeli, a livello di principio, alla tradizionale ricostruzione dell’istituto, sono andate elaborando, in risposta alle diverse esigenze manifestate nella prassi, una serie di regole operazionali che con quella ricostruzione si pongono spesso in palese contraddizione.
L’interrogativo sulla funzione che giustifica la scissione in due fasi del procedimento inteso ad introdurre tra le parti un determinato assetto di interessi, la crisi del dogma dell’intangibilità del preliminare, la diversa possibile natura - costitutiva od esecutiva - della sentenza emessa ex art. 2932 c.c., il connesso problema dei limiti ai poteri di integrazione del giudice in tal sede guidano un’indagine che tocca l’azione di esatto adempimento, l’azione di riduzione del prezzo, i casi di divergenza quantitativa tra la misura della cosa indicata nel preliminare e quella risultante dal definitivo, il fondamentale intervento della Corte di Cassazione, Sez. un., n°1720/1985, l’azione di rescissione, la risoluzione (per inadempimento, per impossibilità sopravvenuta, per eccessiva onerosità sopravvenuta), i riflessi della nuova disciplina della trascrizione del preliminare, la “tenuta” e la rilevanza della tradizionale distinzione tra preliminare puro e complesso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 4 2. Introduzione Il contratto preliminare è una figura giuridica che nel nostro ordinamento ha sempre rivestito un ruolo importante, come testimoniano le approfondite analisi dottrinali e la nutrita casistica giurisprudenziale, entrambe conseguenza della sua diffusione nella prassi. A questo proposito, si afferma che questo strumento contrattuale ha trovato, almeno sotto l’aspetto della sua pratica adozione, in particolare nell’ambito del trasferimento di beni immobili, un terreno maggiormente fertile nel nostro ordinamento giuridico, dove è stato trapiantato, che non in quello tedesco dove esso è sorto1: tra le ragioni di tale fortuna, assume rilievo la mancanza, nel nostro diritto, di un sistema, altrove presente, di differimento tra consenso e trasferimento dei beni, che permetta una fase di ulteriore riflessione e controllo sull’operazione negoziale in via di impostazione. La disciplina che il Codice civile contiene in materia di contratto preliminare è assai scarna, riducendosi all’individuazione di un requisito di forma a pena di nullità (art. 1351) ed alla configurazione di un rimedio processuale in caso di inadempimento (art. 2932); la recente novella in tema di trascrizione, per alcuni aspetti non priva di utili spunti, non ha sostanzialmente modificato un quadro normativo in cui non si

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contratto definitivo
contratto preliminare
inadempimento
recesso
rescissione
sopravvenienze
trascrizione preliminare
tutela delle parti
diritto privato
trascrizione del contratto preliminare
risoluzione di contratti
intangibilità del preliminare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi