Skip to content

Il linguaggio del corpo

Informazioni tesi

  Autore: Nazarena Pregio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Gian Pietro Storari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

Ci sono stati diversi dibattiti e diverse ricerche in base alle quali si cercava di capire cosa suscitasse il linguaggio del corpo. Si è giunti alla conclusione che il linguaggio del corpo, più veritiero rispetto a quello verbale che può essere maggiormente manipolato, appare non solo nel momento in cui si prova un’emozione ma, più in generale, quando si è in uno stato di disposizione a mantenere o modificare la relazione con l’ambiente. Viene esposto il pensiero accompagnato dalle rispettive ricerche, dei più importanti studiosi del linguaggio del corpo, tra i quali riconosciamo Paul Ekman, James A. Russell, Charles Darwin, Michel, Sullivan , Alan J. Fridlund, Fox e Davidson, van Hoof, Dickinson, Josè Miguel Fernandàndez-Dols ed Edward T. Hall che fu il primo studioso ad occuparsi di prossemica ecc. Oltre ai gesti, si sono voluti affrontare temi quali il sorriso, le espressioni facciali e la prossemica, tutti fondamentali nelle rapporti interpersonali. Relativamente al sorriso si è fatto un distinguo tra alcuni tipi di sorriso (di Duchenne e ludico) parlandone in relazione al motore che attivava i muscoli facciali. Si è sostenuto che il sorriso di Duchenne fosse dato da determinate condizioni ambientali e che nei bambini talvolta questo sia implicato dal sorriso della madre. Il sorriso Ludico (a bocca aperta), invece, è tipico nel gioco che richiede un contatto fisico col genitore. Entrambi i tipi di sorriso risultano avere un risvolto esperienziale e sociale. Parlando delle espressioni facciali si è arrivato a sostenere che il volto costituisce una finestra sulle emozioni, che ci permette di comprendere il significato del comportamento altrui. . Inoltre le stesse espressioni facciali possono essere considerate segnali compresi universalmente, non influenzabili dalla cultura in cui di differente vi possono essere le regole di manifestazione delle emozioni ma non le stesse espressioni che possono essere considerate attività relazionali, segnali sociali e manifestazioni di una partecipazione o meno ad una determinata situazione ambientale. Inoltre le espressioni facciali e lo sguardo sono necessari al social referencing (riferimento sociale) che consiste nella lettura dei segnali emotivi degli altri al fine di decidere come agire in una particolare situazione. Infine si è voluto affrontare il discorso della prossemica che è la disciplina che si occupa dello spazio e delle distanze all'interno di una comunicazione. Molto spesso capita di sentirsi minacciati, quasi violati quando una persona, a cui non siamo legati, ci si avvicina oltre misura. Questo perché ciascuno di noi è circondato da diverse bolle immaginarie chiamate distanze dall’importante studioso E. Hall. Queste distanze prendono il nome di: Intima, Personale, sociale e pubblica. La sensazione di essere violati si verifica nel momento in cui l’altro ci si avvicina eccessivamente e, non essendo più utilizzabile lo spazio critico, si crea una situazione critica le cui uniche soluzioni sono l’attacco o la fuga.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’obiettivo di questo lavoro è quello di riuscire a rapportarsi in modo migliore con gli altri e capire la persona che ci si trova davanti nonostante questa cerchi di mascherare ciò che sente. Ci sono stati diversi dibattiti e diverse ricerche in base alle quali si cercava di capire cosa suscitasse il linguaggio del corpo. Si è giunti alla conclusione che il linguaggio del corpo, più veritiero rispetto a quello verbale che può essere maggiormente manipolato, appare non solo nel momento in cui si prova un’emozione ma, più in generale, quando si è in uno stato di disposizione a mantenere o modificare la relazione con l’ambiente. Viene esposto il pensiero accompagnato dalle rispettive ricerche, dei più importanti studiosi del linguaggio del corpo, tra i quali riconosciamo Paul Ekman, James A. Russell, Charles Darwin, Michel, Sullivan , Alan J. Fridlund, Fox e Davidson, van Hoof, Dickinson, Josè Miguel Fernandàndez- Dols ed Edward T. Hall che fu il primo studioso ad occuparsi di prossemica ecc. Nel capitolo 1. si è parlato delle espressioni facciali cercando di capire il legame, se davvero vi fosse, tra emozione ed espressione del volto prendendo in esame chi per primo se n’è occupato e cercando di analizzare l’universalità, vera o presunta, di questa. Si è affrontato anche il discorso sullo sguardo, elemento essenziale affinché si stabilisca una relazione tra gli individui. Inoltre il modo in cui si guarda dipende anche dalla tipologia della persona e dal suo carattere. Nel paragrafo 1.1 si parla del sorriso in particolare dal punto di vista della contrazione muscolare e dei movimenti facciali facendo un distinguo tra il sorriso di Duchenne e il sorriso ludico, incentrando il discorso non solo sull'adulto ma anche sul bambino nel quale le espressioni facciali sono, molto spesso, fugaci. In particolare si parla della relazione fra il sollevamento degli angoli delle labbra, il sollevamento delle guance e l’apertura della bocca affrontando il punto di vista di James Russell assieme a Fernandez-Dols secondo i quali c’è una relazione sinergica fra l’azione dello zigomatico (che produce il sollevamento degli angoli delle labbra) e l’azione di quella parte degli orbicolari degli occhi che solleva le guance, in contrasto con quello di Fridlund che ha sostenuto che non esisterebbe alcuna affinità intrinseca fra la contrazione dello zigomatico e quella dell’orbicolare dell’occhio. Inoltre si parla del sorriso simulato, nel quale i 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corpo
prossemica
sguardo
gesti
sorriso
distanze
espressione facciale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi