Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dialisi peritoneale: training e retraining

La dialisi peritoneale, il ruolo dell'infermiere nel processo di addestramento del paziente. conoscere la dialisi peritoneale e le problematiche, metodologia aggiornata dell'addestramento di un paziente dal primo passo e svolgere follow up.

Mostra/Nascondi contenuto.
Ad maiorem Dei gloriam Dal 1978 ad oggi la dialisi peritoneale ha riscosso un grande successo scientifico su base di ricerca, ma, non meno importante ha dato la possibilità al paziente di affrontare una malattia cronica, in modo meno traumatico. Il paziente, come punto focale per gli operatori sanitari è reso ancora più centrale per quanto riguarda i pazienti nefrotossici sottoposti a dialisi peritoneale. Si parte da un rapporto puramente sanitario fino ad arrivare ad una conoscenza profonda del paziente, delle sue abitudini e della sua vita familiare. Considero la dialisi peritoneale un trattamento poco diffuso, dovuto a diversificati fattori che vanno dalla mancanza di strutture idonee, fino ad arrivare alla consuetudine culturale di ad operare l’emodialisi. La motivazione che mi ha spinto a scegliere la dialisi peritoneale come argomento di tesi è il rapporto infermiere-paziente che considero alla base del processo educativo in questo trattamento. Supportare il paziente non solo sul piano esplicativo ma anche su quello emotivo rende il rapporto infermieristico completo; un rapporto finalizzato a condurre il paziente dalla conoscenza di questa pratica, fino alla coscienza della sua malattia rendendolo autonomo e libero di vivere la sua vita nel modo più normale possibile.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Reza Oveissi Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5042 click dal 06/11/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.