Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Preludio - genesi e sviluppo del preludio per tastiera, in particolare per clavicembalo, tra i secoli XVI e XVIII

L’obiettivo principale di questo mio lavoro è quello di presentare una breve storia di una forma musicale annoverata tra quelle che sono definite “forme libere”.
Già il termine, “forma libera”, spiega la grande varietà di stili, di linguaggi, di possibilità interpretative e di finalità artistiche che i preludi hanno assunto nell’arco della storia della musica e in particolare nel periodo compreso tra il XVI e il XVIII secolo, che è l’oggetto di questa analisi.
In questo spazio di tempo si può riscontrare una graduale evoluzione di questa forma che, da originaria libera improvvisazione, è diventata un brano autonomo, con una scrittura definita, non priva di imitazioni, virtuosismi e difficoltà tecniche.
Spesso il termine “preludio” è stato anche sinonimo di altre forme, quali la fantasia e la toccata; oppure si è diffuso come introduzione al “corale” nei paesi protestanti.
Gli autori citati sono quelli che, con le loro produzioni, hanno dato un contributo significativo allo sviluppo di questa forma nelle sue diverse accezioni, e i vari esempi musicali mostrano le caratteristiche tecniche, di linguaggio e di stile di ciascun compositore, sia in relazione al periodo che alla diversa collocazione geografica; altro elemento, quest’ultimo, di grande rilevanza, poiché non si può prescindere lo stile musicale dal contesto storico e culturale in cui le opere nascono e si diffondono.
I brani scelti, molti dei quali rientrano nel programma di esecuzione, evidenziano quindi la graduale trasformazione e anche la grande versatilità di questa forma musicale; tutto questo percorso, ovviamente, procede di pari passo con la naturale evoluzione del linguaggio musicale nel corso dei secoli.
Ciò che comunque rimane costante è quella caratteristica di libertà che rende il preludio diverso da altri generi, sia quando si presenta come brano autonomo, sia quando funge da introduzione ad altre opere; e questa caratteristica permane anche nei secoli successivi, nelle omonime composizioni pianistiche dal periodo romantico in poi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREFAZIONE L’obiettivo principale di questo mio lavoro è quello di presentare una breve storia di una forma musicale annoverata tra quelle che sono definite “forme libere”. Già il termine, “forma libera”, spiega la grande varietà di stili, di linguaggi, di possibilità interpretative e di finalità artistiche che i preludi hanno assunto nell’arco della storia della musica e in particolare nel periodo compreso tra il XVI e il XVIII secolo, che è l’oggetto di questa analisi. In questo spazio di tempo si può riscontrare una graduale evoluzione di questa forma che, da originaria libera improvvisazione, è diventata un brano autonomo, con una scrittura definita, non priva di imitazioni, virtuosismi e difficoltà tecniche. Spesso il termine “preludio” è stato anche sinonimo di altre forme, quali la fantasia e la toccata; oppure si è diffuso come introduzione al “corale” nei paesi protestanti. Gli autori citati sono quelli che, con le loro produzioni, hanno dato un contributo significativo allo sviluppo di questa forma nelle sue diverse accezioni, e i vari esempi musicali mostrano le caratteristiche tecniche, di linguaggio e di stile di ciascun compositore, sia in relazione al periodo che alla diversa collocazione geografica; altro elemento, quest’ultimo, di grande rilevanza, poiché non si può prescindere lo stile musicale dal contesto storico e culturale in cui le opere nascono e si diffondono. I brani scelti, molti dei quali rientrano nel programma di esecuzione, evidenziano quindi la graduale trasformazione e anche la grande versatilità di questa forma musicale; tutto questo percorso, ovviamente, procede di pari passo con la naturale evoluzione del linguaggio musicale nel corso dei secoli. Ciò che comunque rimane costante è quella caratteristica di libertà che rende il preludio diverso da altri generi, sia quando si presenta come brano autonomo, sia quando funge da introduzione ad altre opere; e questa caratteristica permane anche nei secoli successivi, nelle omonime composizioni pianistiche dal periodo romantico in poi. Mariella Di Giovannantonio

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Discipline Musicali

Autore: Mariella Di Giovannantonio Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1917 click dal 12/11/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×