Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti psicologici e genetici della dipendenza sessuale

Quando parliamo di dipendenza sessuale facciamo riferimento ad un insieme di condizioni psicopatologiche caratterizzate da pensieri e fantasie sessuali intrusive in associazione alla totale o parziale perdita di controllo sui comportamenti sessuali. Nel tempo, l’interesse verso questa condizione patologica, non ancora riconosciuta nei sistemi nosografici, è cresciuto esponenzialmente. La prevalenza dell’ipersessualità negli esseri umani si aggira intorno al 3-6% della popolazione mondiale e si stimano conseguenze anche gravi per chi ne è affetto che colpiscono la sfera relazionale, sociale, familiare, intima, lavorativa e fisiologica dell’individuo. I programmi di trattamento fin’ora utilizzati per la cura della dipendenza sessuale sono stati i più svariati ma nel corso degli anni, sulla base del “modello integrato” di cui aveva precedentemente parlato Kaplan (1987) , si sta arrivando a concepire nuove terapie sessuologiche che uniscono vari modelli teorici, tra cui i protocolli mansionali (Maser and Jonson, 1970), terapia individuale, terapia di gruppo e terapia farmacologica, per la diagnosi e il trattamento del sintomo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Quando parliamo di dipendenza sessuale facciamo riferimento ad un insieme di condizioni psicopatologiche caratterizzate da pensieri e fantasie sessuali intrusive in associazione alla totale o parziale perdita di controllo sui comportamenti sessuali. Nel tempo, l’interesse verso questa condizione patologica, non ancora riconosciuta nei sistemi nosografici, è cresciuto esponenzialmente. La prevalenza dell’ipersessualità negli esseri umani si aggira intorno al 3-6% della popolazione mondiale e si stimano conseguenze anche gravi per chi ne è affetto che colpiscono la sfera relazionale, sociale, familiare, intima, lavorativa e fisiologica dell’individuo. I programmi di trattamento fin’ora utilizzati per la cura della dipendenza sessuale sono stati i più svariati ma nel corso degli anni, sulla base del “modello integrato” di cui aveva precedentemente parlato Kaplan (1987) , si sta arrivando a concepire nuove terapie sessuologiche che uniscono vari modelli teorici, tra cui i protocolli mansionali (Maser and Jonson, 1970), terapia individuale, terapia di gruppo e terapia farmacologica, per la diagnosi e il trattamento del sintomo. Nel primo capitolo si è cercato di fornire una definizione di “dipendenza sessuale”, introducendo prima il concetto di dipendenza secondo il DSM-IV- TR e in seguito descrivendo un breve excursus storico verso una definizione univoca della patologia con eventuali esplicazioni delle caratteristiche peculiari. Partendo da una base diagnostica di “disturbo del desiderio iperattivo”, si è cercato inoltre di chiarirne il dibattito sulla natura intrinseca della condizione basandosi su diverse correnti teoriche che la definiscono da una parte come disturbo ossessivo-compulsivo, dall’altra come disturbo del controllo degli impulsi o ancora come disturbo da dipendenza comportamentale. Inoltre sono stati riportati i dati di prevalenza e comorbilità del disturbo facendo ricorso a diversi autori che nel corso degli anni si sono occupati di questo tema (Carnes, 1989; Colman, 1992; Kafka, 1999).

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Giuseppina Pollino Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2244 click dal 08/11/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.