Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra rock progressivo e tradizione colta: il "caso" Queen

Il mondo del rock è vasto e intricato e analizzarne tutte le caratteristiche è compito arduo e rischioso poiché molti critici ed esperti del settore lo ritengono un universo impermeabile e chiuso in se stesso. Il lavoro ha quale obiettivo quello di individuare le caratteristiche fondamentali della musica rock progressiva europea e di inquadrare all’interno di essa un gruppo di consolidata fama internazionale come quello dei Queen.
La ricerca è stata svolta prima di tutto a partire dalle fonti riguardanti il genere del rock progressivo; quindi è stata analizzato il percorso artistico del gruppo e in particolare della figura carismatica del cantante Freddie Mercury. Sono state prese in esame anche i testi sia letterari che musicali di alcune opere paradigmatiche dei Queen. Si è fatto tesoro delle recensioni apparse su riviste on line specializzate. A partire da una prospettiva analitica, sono state analizzate le musiche al fine di rintracciare i caratteri stilistici peculiari della musica del prestigioso gruppo. Indicare i molteplici generi musicali che hanno influenzato il gruppo britannico nell’arco del ventennio 1973-1991, è stata l’idea fondamentale dal secondo capitolo in poi: l’analisi si è svolta album per album, tracciando un quadro il più possibile esaustivo comprendente riferimenti a tradizioni musicali diverse dal rock,agli strumenti musicali,alle arti visive e alla letteratura. L’analisi approfondita di due classici come Bohemian Rhapsody e Barcelonaconfermano la tesi di fondo: il mondo del rock è stato influenzato notevolmente dalla tradizione musicale colta.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il mondo del rock è un universo vastissimo, esplorato sotto molti punti di vista e ricco di numerose sfaccettature e contraddizioni riguardanti le varie forme e sottogeneri di cui è contraddistinto. La cultura rock ha interessato fino ad oggi sei decenni e per tutto quest‟arco temporale si è evoluta senza sosta sia sotto l‟aspetto artistico che economico. Le sperimentazioni, a volte anche ardite, non sono mai mancate e mai cesseranno di mancare. Per ciò che riguarda uno dei sottogeneri del rock, la musica progressiva europea, essa è forse considerata il lato più oscuro e difficile da interpretare. Eppure molti gruppi hanno raggiunto l‟apice del loro successo passando proprio per questa strada occultata dai media e bistrattata dalla critica in modo a volte troppo severo. Non che questo abbia portato ad un‟interruzione dello sperimentalismo o ad un cambio repentino delle mode ad esso legato. Anzi, la fortuna del sottogenere ha fatto in modo che gruppi tendenzialmente lontani da questa concezione musicale fossero particolarmente attratti verso la strada prog. Dal Regno Unito infatti questa musica ha intrapreso molte strade e percorsi eterogenei, mai abbandonati del tutto nemmeno oggi. Scrivere sul rock progressivo e sui generi che ha influenzato è operazione percorsa e ripercorsa più volte da intenditori e appassionati del genere. Ma a volte si tende a dimenticare quei gruppi musicali che hanno subito influenze, benché non minime, da parte dello sperimentalismo prog. Questo lavoro si concentra su una di queste band: i Queen. Essi hanno coperto un arco temporale che va dagli anni ‟70 ai ‟90 toccando tutti i generi contemporanei, ma poca critica e poche riviste specializzate hanno

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Dipartimento di Scienze Umanistiche

Autore: Mirco Lazzara Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1429 click dal 08/11/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.