Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scoliosi idiopatica. Approccio multidisciplinare in età evolutiva: nuove proposte di ginnastica correttiva

Il testo tratta delle Scoliosi idiopatiche in età evolutiva con particolare riferimento allo studio di nuove proposte nel campo della ginnastica correttiva.
Lo scopo della ricerca del gruppo sperimentale è stato coniugare l’attività ludico-sportiva con l’integrazione e la responsabilizzazione degli adolescenti nel contesto della ginnastica correttiva per il contenimento-correzione delle scoliosi idiopatiche. Gli esercizi usati sono stati ispirati da metodologie consolidate dalla bibliografia internazionale come esercizi propriocettivi, il Pilates, il Qi Qong e la pallavolo. Il gruppo di controllo svolgeva un’attività di ginnastica correttiva con metodologie classiche.
Il metro di misura usato è stato principalmente lo scoliosometro di Bunnel e il test della Cicogna. Su due soggetti, del gruppo sperimentale, sono stati inseriti esami radiologici che dimostrano la riduzione e il miglioramento delle curve attraverso la misurazione con il metodo Cobbs.
La sperimentazione ha avuto un decorso di tre mesi con cadenza bisettimanale della durata di un’ora a lezione. I soggetti erano dieci, divisi in due gruppi, sperimentale e di controllo che svolgevano l’attività in orari differentii.
I risultati della ricerca sono stati molto incoraggianti, nel gruppo sperimentale le cui curve scoliotiche sono diminuite di circa il 40%, non sono stati soddisfacenti i risultati del gruppo di controllo dove si è rilevato solo un minimo miglioramento.
I dati dimostrano che l’inserimento degli adolescenti in attività ludico-sportivo per il contenimento-correzione della scoliosi può dare risultati incoraggianti.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE La scoliosi è una patologia del rachide che si presenta come una deviazione laterale permanente della colonna vertebrale associata alla rotazione dei corpi vertebrali. 1 Sono molti i genitori e i ragazzi che devono fare i conti con questo tipo di patologia che provoca grande apprensione in coloro che ne soffrono, sia per la gravità del problema in quanto tale, sia per le spese di riabilitazione e rieducazione posturale ad esso connesse. Il termine scoliosi deriva dal greco skolios (storto, contorto, curvo) + osis (condizione), indicando una deviazione laterale ed una deformazione morfologica del rachide congiuntamente ad alterazioni anatomiche delle vertebre e delle altre strutture che sostengono il tronco. Foto nr.1 Deformazioni della colonna vertebrale di pesci 2 Foto nr.2 Macchina a trazione ideata da Ippocrate 3 1 Cfr. Kapandji, I.A. “Fisiologia articolare”, vol.3 – tronco e rachide, ed. Maloine, 2002. 2 “www. fabiobarbera.wordpress.com” 3 “www. aldonapoli.jimdo.com

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Glauco Collalti Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7843 click dal 12/11/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.