Skip to content

Sviluppo dell'analisi optometrica comportamentale: dalla prescrizione preventiva rieducativa al Visual Training

Informazioni tesi

  Autore: Sebastiano Amatulli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze e tecnologie fisiche
  Relatore: Domenico Brigida
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

L'intreccio imprescindibile con le varie discipline umane, ha portato allo sviluppo di una pratica olistica che ha tenuto conto dei vari contributi multi-disciplinari nell'ambito delle ricerche fisiologiche e psicologiche (culminate quest'ultime nella metà del ‘900 con lo sviluppo della scuola Cognitivista), rappresentando di fatto la matrice costitutiva di una Optometria moderna e al passo con i tempi.
Il coinvolgimento di variabili socio-economiche e di variabili comportamentali dettate dalle leggi della fisiologia e dell'endocrinologia, il coinvolgimento di aree del lobo frontale e del sistema limbico, sminuiscono l'ormai obsoleto concetto del raggiungimento dei 10/10 come situazione auspicabile e desiderata nell'affrontare i compiti in un ambiente che si è modificato molto velocemente nell'ultimo secolo con il progresso industriale.
Una miopia, un'insufficienza accomodativa e di convergenza, un astigmatismo funzionale e le varie condizioni astenopiche, rappresentano problematiche che vengono viste come l'adattamento funzionale a una condizione visiva stressante (teoria ambientale) indotte dalla sovraconvergenza. L'optometria comportamentale si prefigge il compito di intervenire sui radicamenti somatici che porterebbero il soggetto verso un'anomala modifica tissutale irreversibile per adempiere al compito prossimale compulsivo che deve ripetutamente svolgere; in primis rappresentato dalla scolarizzazione.
Le pratiche comportamentali a scopo preventivo, dall'utilizzo di lenti bifocali, alle RGP, all'ortokeratologia e al Visual Training, con descrizioni e statistiche che dimostrano i vantaggi molteplici ottenuti dal loro impiego, sono frutto delle esperienze evolutive nell'approccio funzionale che meglio si confanno alla risoluzione del problema visivo al fine di evitare il deterioramento “comportamentale”, constatabile nella progressiva tendenza all'esocentrismo e alla deficitarietà nella visione a distanza.
Lo stretto legame presente tra il sistema visivo e gli altri sottosistemi come ad esempio il sistema tonico posturale nell'intero processo di input e output sensoriale, il ruolo della visione nell'apprendimento, nelle relazioni sociali e nelle capacità attenzionali, le modificazioni sinaptiche indotte, rappresentano nel loro insieme l'area di lavoro e di interesse del modello Optometria comportamentale, la quale non avrà come obiettivo il solo miglioramento dello stato visivo del paziente, bensì un miglioramento dello stato generale, analizzando le influenze che la visione stessa genera e le influenze che la visione subisce, a dimostrazione di come la visione abbia un ruolo sensoriale predominante durante l'intero arco vitale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Le soluzioni ottiche comportamentali a scopo preventivo rappresentano al giorno d‟oggi quello che in realtà dovrebbero essere normali metodi applicativi, delle normali procedure di routine quotidiana o nell‟insieme, un qualcosa che meglio descrive il rapporto con il sistema visivo e quello che in verità rappresenta, ovvero: non una struttura a sé stante bensì un‟estroflessione del cervello. Esse devono essere considerate nella risoluzione del deficit come il prodotto concepito dalla pratica olistica e dall‟approccio funzionale, entrambi maturati negli anni grazie ai contributi multi-disciplinari nell‟ambito delle ricerche psicologiche e fisiologiche, ma soprattutto alla presa in considerazione, cosa impensabile per le vecchie filosofie professionali, delle variabili socio-economiche e culturali (passo di notevole autorevolezza) che possono essere coinvolte o influenzate dal deficit visivo stesso. Il grado di attenzione che si deve avere nei confronti dell‟individuo nel suo insieme, nell‟ambito dell‟approccio funzionale, è importante e indispensabile innanzitutto per enfatizzare il ruolo della prevenzione e della rieducazione e per indirizzare il trattamento al fine di ottenere un miglioramento della performance globale piuttosto che il solo miglioramento dello stato di salute dello specifico organo. L‟evoluzione e lo sviluppo delle varie scuole di pensiero, da quella empirista sino a quella cognitivista, ha permesso lo svecchiamento di preconcetti dogmatici, messo in discussione metodiche troppo ortodosse e fornito le conoscenze e i saperi che hanno inciso maggiormente nel corso del tempo sulla concreta attività di coloro che si occupano di processi visivi nei vari settori dell‟attività sociale, culturale e professionale; tutto questo infine è culminato nel radicale cambiamento di vedute, punto decisivo notevole che ha garantito l‟affermazione e la diffusione del modello Optometria comportamentale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

retinoscopia dinamica
ortokeratologia; ortocheratologia
visual training
test dei 21 punti
cognitivismo e scienze psicologiche
stress compulsivo; scolarizzazione
rgp; bifocali; progressive
lente positiva
embedded; radicamenti
stistema tonico; sistema limbico; neurogenesi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi