Skip to content

Il diritto di morire. Riflessioni sull'eutanasia volontaria

Informazioni tesi

  Autore: Guido Palazzolo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Adriano Ballarini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 116

Il diritto di morire è sicuramente il diritto più inquietante rivendicato oggi dall'uomo contemporaneo. Esso ci obbliga a riflettere sulla possibilità che dal fondamentale "diritto di vivere" possa desumersi anche un implicito "dovere di vivere". Ci si chiede, in pratica, fino a che punto è possibile per uno Stato laico e pluralista, obbligare i propri cittadini a vivere in una situazione di dolore e sofferenza non più ritenuta tollerabile dal malato terminale. Con questo lavoro si è inteso, pertanto, indagare i limiti, giuridici ed etici, entro cui è possibile compiere determinate scelte alla fine della vita. Paradossalmente, infatti, le società avanzate stanno pagando il prezzo del maggior benessere, raggiunto attraverso il progresso tecnologico, con le situazioni inedite che lo stesso progresso scientifico è arrivato a creare: al paziente affetto da gravi malattie (cancro, alzheimer, aids, sclerosi multipla et aliae...) è stata sensibilmente allungata la vita, senza che a questo beneficio corrisponda una migliore qualità della stessa. Da qui la necessità, giuridica ed etica, di decidere se accogliere o meno (e in che misura) le richieste, sempre più numerose, di quei pazienti che chiedono di porre fine anzitempo alle loro sofferenze.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 2 Introduzione In questi ultimi anni il dibattito sulle questioni etiche di fine vita ha occupato uno spazio sempre più rilevante nei mass media nazionali e locali, i quali hanno coinvolto l’opinione pubblica, veicolando, sovente, la direzione del dibattito. Parole come eutanasia, suicidio assistito, accanimento terapeutico, stato vegetativo, autodeterminazione e testamento biologico suscitano, infatti, reazioni controverse. L’interesse che ha dato luogo a questa ricerca è nato dalla necessità di riflettere sull’opportunità di rendere il morire un processo meno doloroso, sottraendolo alla disciplina esclusiva della legge e al dominio della classe medica, favorendo la facoltà dispositiva dell’interessato. Si tratta, quindi, di indagare i limiti, giuridici ed etici, entro cui è possibile compiere determinate scelte. Paradossalmente, le società avanzate stanno pagando il prezzo del maggior benessere raggiunto attraverso il progresso tecnologico con le situazioni inedite che lo stesso progresso scientifico è arrivato a creare: al paziente affetto da gravi malattie (cancro, alzheimer, aids, sclerosi multipla, artrite cronica deformante, et aliae…) è stata sensibilmente allungata la vita, senza che a questo beneficio corrisponda una migliore qualità della stessa. Da qui la necessità, giuridica ed etica, di decidere se accogliere o meno (e in che misura) le richieste, sempre più numerose, di quei pazienti che vogliono anzitempo porre fine alle loro sofferenze. Nell’affrontare brevemente queste tematiche si vuole pertanto esaminare quale sia lo spazio lasciato dal diritto all’individuo nell’ultima fase della sua vita, ossia quali poteri e quali diritti egli può esercitare e in quale direzione. In modo specifico verrà trattata la questione eutanasica per verificare se, e in che termini, in tale condotta possa celarsi un vero e proprio diritto di morire. Tale diritto si presenta oggi come il più inquietante dei diritti rivendicati dall’individuo e ci obbliga a riflettere sulla possibilità o meno di dedurre dal fondamentale diritto di vivere anche un obbligo o un dovere di vivere. Ci si chiede, in definitiva, fino a che punto è possibile, per uno Stato laico e pluralista, obbligare i propri cittadini a vivere in una situazione di dolore e sofferenza non più ritenuta tollerabile da un malato terminale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eutanasia
testamento biologico
diritto di morire
suicidio assistito
eutanasia passiva
right to die
eutanasia volontaria
vitalismo medico
diritto morale eutanasia
englaro welby

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi