Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La creatività come forma d'intelligenza. Le concezioni teoriche di Robert J. Sternberg e di Howard Gardner

L’intento di questa tesi è di illustrare e confrontare due delle più importanti teorie che trattano di creatività. Lo scopo è di provare a stabilire quelli che possono essere considerati i punti fondamentali delle formulazioni prese in esame, paragonarle e usare i punti in comune per mettere in luce l’utilità di questa facoltà psichica, nonché l’importanza di insegnarla e valorizzarla. Affrontare questo tema significa innanzitutto scontrarsi con la difficoltà di circoscrivere un argomento così ampio da non riuscire a rientrare in una semplice definizione, anzi proprio per natura così sfuggevole, di difficile descrizione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3    Introduzione L’intento di questa tesi è di illustrare e confrontare due delle più importanti teorie che trattano di creatività. Lo scopo è di provare a stabilire quelli che possono essere considerati i punti fondamentali delle formulazioni prese in esame, paragonarle e usare i punti in comune per mettere in luce l’utilità di questa facoltà psichica, nonché l’importanza di insegnarla e valorizzarla. Affrontare questo tema significa innanzitutto scontrarsi con la difficoltà di circoscrivere un argomento così ampio da non riuscire a rientrare in una semplice definizione, anzi proprio per natura così sfuggevole, di difficile descrizione. E’ stato quindi utile preparare un breve excursus sulle definizioni offerte dalle varie scuole di pensiero per inquadrare brevemente il concetto e fornirne un’idea di partenza. Una volta introdotto il tema è stato nuovamente analizzato attraverso quelle che sono a mio parere le teorie più interessanti, le quali sono state messe poi a confronto per trarne conclusioni. La prima a essere presa in causa è la teoria triarchica dell’intelligenza utile per comprendere quella sull’investimento della creatività, entrambe formulate da Robert J.Sternberg, uno psicologo americano nato a Newart NJ. a oggi docente di psicologia presso l’università di Yale; le conclusioni di questo autore verranno messe a confronto con la teoria di H. Gardner sulla fisiologia della creatività attraverso lo studio delle vite di noti personaggi geniali, conseguente sviluppo di un precedente lavoro di Gardner sulle intelligenze multiple.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Cristina Mora Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2784 click dal 21/11/2013.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.