Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione formativa e didattica nella scuola dell'autonomia

La scuola, negli ultimi anni, in particolare si sta aprendo alle diverse forme di comunicazione, sul piano istituzionale, i Decreti Delegati del 1977 e la legge dell’autonomia del 1997 sono degli esempi concreti, ma anche sull’utilizzo delle nuove tecnologie. La comunicazione assume un ruolo centrale, determinante per una piena e completa maturazione dell’individuo nella società, con il relativo scambio di opinioni, di esperienze, di conoscenze, di competenze. I nuovi media, gli strumenti multimediali, modificano cambiano, anche se incontrano delle resistenze, la comunicazione tradizionale, le relazioni interpersonali e le modalità di apprendimento-insegnamento. Pertanto la diffusione dei moderni strumenti hardware e software non può non incidere sulla formazione culturale e professionale delle nuove generazioni, in particolare quale può essere l’influenza nella formazione matematico- scientifica dei giovani (dalla scuola primaria all’Università). Il rapporto TIC-didattica, è ormai fondamentale e irrinunciabile per rendere più efficace e più efficiente l’apprendimento. L’e-learning, offre un valore potentissimo rispetto alle forme tradizionali di aggiornamento per gli insegnanti. [email protected] si configura come progetto che sfrutta in modo deciso molte delle possibilità offerte dalle nuove tecnologie, senza nulla cedere alle esigenze di rigore, che la disciplina richiede. Gli insegnanti si trovano inseriti fin da subito in un ambiente operativo ricco, stimolante e culturalmente significativo, in cui si immergono completamente.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La scuola, negli ultimi anni, in particolare si sta aprendo alle diverse forme di comunicazione, sul piano istituzionale, i Decreti Delegati del 1977 e la legge dell’autonomia del 1997 sono degli esempi concreti, ma anche sull’utilizzo delle nuove tecnologie. La comunicazione assume un ruolo centrale, determinante per una piena e completa maturazione dell’individuo nella società, con il relativo scambio di opinioni, di esperienze, di conoscenze, di competenze. I nuovi media, gli strumenti multimediali, modificano cambiano, anche se incontrano delle resistenze, la comunicazione tradizionale, le relazioni interpersonali e le modalità di apprendimento- insegnamento. Pertanto la diffusione dei moderni strumenti hardware e software non può non incidere sulla formazione culturale e professionale delle nuove generazioni, in particolare quale può essere l’influenza nella formazione matematico- scientifica dei giovani (dalla scuola primaria all’Università). Il rapporto TIC-didattica, è ormai fondamentale e irrinunciabile per rendere più efficace e più efficiente l’apprendimento. Le tecnologie didattiche possono aiutare e rendere più produttivo il lavoro dell’insegnante facilitando l’apprendimento da parte degli alunni, offrendo l’opportunità di accrescere le potenzialità matematiche, di motivare gli alunni al lavoro, di controllare i loro progressi, di organizzare meglio percorsi di apprendimento personalizzato, e costituire una risorsa in più in favore degli alunni che hanno difficoltà a seguire le attività didattiche abituali, grazie all'operatività, alla verifica immediata del risultato, alla possibilità di sbagliare e di correggere recuperando in tal modo sicurezza ed autostima . Questo vale specialmente in quelle discipline, come la matematica, in cui le attività di esercitazione – affatto necessarie perché gli alunni possano fissare in modo adeguato i concetti, le procedure e gli algoritmi proposti – richiedono se svolte con i tradizionali supporti cartacei, molto tempo e spesso sono sgradite agli alunni. Il PC crea un ambiente di lavoro di per sé stimolante: davanti ad esso, ormai familiare alla maggior parte di loro, gli alunni si destreggiano con disinvoltura tra mouse e tastiera e affrontano volentieri gli esercizi proposti. I software di geometria dinamica consentono agli alunni di fare esperienze, compiere esplorazioni, osservare, produrre e formulare congetture e validarle. Ma l’introduzione dei mezzi multimediali, (LIM, L.O. ,software, materiali digitalizzati di qualsiasi tipo.), comporterà l’esigenza di riorganizzare, di articolare diversamente l’attività della classe per trarne tutti i vantaggi della disponibilità delle strutture, postazioni e materiali, per rispondere adeguatamente alle esigenze degli alunni e a quelle del curricolo da affrontare. È importante sottolineare la rilevanza degli insegnanti nello sviluppo degli aspetti innovativi della scuola: un docente, infatti, detiene un ruolo fondamentale nella formazione culturale e nell’educazione dei propri alunni; egli deve rispecchiare il mutamento indotto dalle nuove tecnologie nei modi di

Tesi di Master

Autore: Diamante Immacolata Colacino Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4652 click dal 26/11/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.