Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Impiego di dati LiDAR a supporto di interventi di miglioramento della viabilità forestale

La viabilità forestale rappresenta l’elemento basilare per permettere una gestione del bosco efficiente. Tuttavia, essa non è sempre caratterizzata da standard costruttivi che garantiscono un’efficiente utilizzazione dei lotti in termini logistici e in termini di sicurezza per gli operatori.
Nella maggior parte dell’arco alpino la dotazione di viabilità forestale è sufficientemente buona dal punto di vista della densità viaria, tuttavia le strade presenti non sono sempre percorribili dai mezzi deputati all’esbosco quali autocarri e forwarder.
Nell’Altopiano dei Sette Comuni, dove attualmente sono operativi sette forwarder, si sente la necessità di migliorare la viabilità esistente per migliorare le condizioni operative e logistiche nell'impiego di queste macchine.
In questo studio è stata valutata la possibilità di utilizzare modelli digitali del terreno (DTM), ottenuti da dati LiDAR full waveform ad alta densità di punti, nella pianificazione di interventi di miglioramento della viabilità esistente.
È stato quindi fatto uno studio sulla viabilità nel territorio dell'Altopiano dei Sette Comuni, analizzando gli standard costruttivi e i costi di costruzione. Successivamente è stata fatta un’analisi della precisione del dato LiDAR nell’individuazione degli standard costruttivi della viabilità esistente e per finire un’analisi applicata per la modifica di un tracciato esistente con necessità di miglioramento.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 1 INTRODUZIONE 1.1 Funzione della viabilità forestale La viabilità forestale è l’elemento infrastrutturale che sta alla base della gestione forestale di un’area e rappresenta la premessa indispensabile per la selvicoltura: “La selvicoltura senza strade è solo un’illusione”(Hippoliti, 2003). È inoltre fondamentale per permettere l’accesso al bosco anche per scopi non indirizzati unicamente alle utilizzazioni, ma anche per la valorizzazione delle altre funzioni del bosco (Cavalli et al., 2013; Marchi e Spinelli, 1997). La legge regionale del Veneto 14/1992 che disciplina la viabilità silvo-pastorale, la definisce come “via di penetrazione situata all’interno di aree forestali e pascolive in cui possono circolare mezzi impiegati nei lavori forestali, di vigilanza e di assistenza sanitaria e veterinaria”. Le funzioni che può svolgere la viabilità forestale sono quindi molteplici, Hippoliti nel 1976 definiva le strade forestali come elementi infrastrutturali che hanno l’unico scopo di favorire le utilizzazioni. Con il passare degli anni invece la funzione delle strade forestali non è più unicamente legata al solo prodotto legnoso, ma si è evoluta pari passo con il cambiamento della concezione del bosco. Le funzioni che può svolgere la viabilità forestale sono diverse a seconda della nazione e dipendono dalla cultura e dalle tradizioni (Potocnik, 1996). In Italia le strade silvo-pastorali oltre a svolgere la funzione di utilizzazione boschiva, sono anche importanti per la fruizione turistica e ricreativa (Chirici et al., 2003; Cavalli et al, 2010), per la protezione del territorio e la lotta contro gli incendi (Guderzo e Cavalli, 2001; Calvani et al. 1999), per permettere l’accesso alle malghe e favorire le operazioni di soccorso (Grigolato et al., 2012). La presenza di strade forestali genera però degli impatti sull’ecosistema che non devono essere sottovalutati, esse sono le strutture più espansive e distruttive presenti in bosco quindi devono essere valutate e progettate attentamente (Hayati et al., 2012). L’opinione pubblica tende, infatti, ad essere favorevole nei confronti della presenza di nuove strade per scopi ricreativi mentre presenta timori per strade con finalità produttive (Bengston et al., 1999). Se da un lato la presenza di una rete viaria forestale garantisce numerosi vantaggi, dall’altro comporta uno scompenso notevole in termini di equilibrio idrologico, degradazione di habitat, perdita di superficie forestale,

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Agraria

Autore: Federico Pezzin Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 171 click dal 14/02/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.