Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il teatro del grottesco e Il giuoco delle parti di Luigi Pirandello

La tesi ruota intorno al teatro del grottesco. In particolar modo analizza l'opera teatrale di Luigi Pirandello, Il giuoco delle parti: una delle migliori espressioni del grottesco e, allo stesso tempo, trasposizione scenica dei concetti formulati dall'autore nel "L'umorismo", risalente ai primi anni del XX secolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il teatro borghese Il teatro borghese si sviluppò in Italia intorno alla metà del XIX secolo. Tale tipo di produzione ebbe origine sulla scia del Positivismo, tendenza culturale che proclamava nell’Ottocento l’esistenza di una verità oggettiva, conoscibile e afferrabile attraverso il metodo scientifico. Obiettivo principale dei drammaturghi dell’epoca era quello di riprodurre fedelmente, alla stregua di un duplicato a colori, il mondo ad essi contemporaneo ed in particolar modo la vita quotidiana della società borghese, tenendo conto di tutte le sue sfumature. Un’arte, quindi, così vicina alla sfera del reale da arrivare ad identificarsi e a sostituirsi ad essa. A tal riguardo, Peter Szondi, analizzando la suddetta drammaturgia, sostiene che «il dramma è assoluto. (…) staccato da tutto ciò che gli è esterno (…) non conosce nulla al di fuori di sé» 1 . Non solo, ma è anche «primario. Non è la rappresentazione (secondaria) di qualcosa (di primario); ma rappresenta se stesso, è se stesso» 2 . Il teatro borghese, quindi, si presentava al suo pubblico come un organismo dotato di indipendenza e di autenticità. Nel fare questo allontanava da sé tutte quelle caratteristiche che, al contrario, ne avrebbero rivelato la natura essenzialmente illusoria e fittizia, propria invece, di una qualsiasi operazione artistica. L’autore, ad esempio, rimaneva al di fuori della rappresentazione. Il suo punto di vista si nascondeva negli angoli più bui del palcoscenico, cercando di mimetizzarsi, di rendersi invisibile tra le pieghe della vicenda e tra gli stati psicologici dei vari personaggi. «Egli non 1 Peter Szondi, Teoria del dramma moderno 1880-1950, Einaudi, Torino, 1962, p.10. 2 Ivi, p. 11.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: David Monachesi Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1641 click dal 29/11/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.