Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione del profilo antiossidante ematico e follicolare in donne infertili sottoposte a procreazione medicalmente assistita

Lo scopo di questa tesi è stata quello di valutare il profilo antiossidante sia ematico e sia follicolare in donne sottoposte a procreazione medicalmente assistita (PMA)a causa di infertilità di coppia legata a fattori maschili, femminili o a eziologia ignota (idiopatica). In particolare, sono stati investigati gli effetti del trattamento farmacologico in preparazione dell'IVF sul quadro antiossidante ematico e le possibili correlazioni tra profilo antiossidante follicolare, maturazione follicolare e dimensione follicolare.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE: L ’INFERTILITÀ FEMMINILE 1.1 L’infertilità Viene definita come infertilità il mancato concepimento dopo un anno di rapporti sessuali non protetti. L'infertilità può essere primaria, in coppie che non hanno mai concepito, o secondaria, in coppie che hanno già avuto concepimento. Le coppie non fertili includono quelle sterili (che non avranno mai una gravidanza naturale) e quelle subfertili (che potrebbero avere una gravidanza). Una coppia al massimo della propria capacità riproduttiva ha solo il 30% di possibilità di concepire. Questa percentuale si riduce nettamente con l'età fino ad arrivare al 10% dopo i 40 anni. Così non ci deve meravigliare che una coppia debba aspettare diversi mesi prima di poter concepire. Nel caso in cui questa incapacità si protrae per lunghi periodi si parla di infertilità di coppia. Recenti studi ci suggeriscono che l'infertilità è in netto aumento. Si stima, infatti, che l'infertilità colpisca circa 80 milioni di persone in tutto il mondo e che ne sia colpita una coppia su dieci. Le cause di questa condizione sono diverse e possono essere ricondotte a disfunzioni dell'apparato riproduttivo maschile o femminile, a fattori ambientali o a stili di vita. Basti pensare che le coppie del nostro secolo per ragioni sociali iniziano la ricerca di una gravidanza intorno ai 30-35 anni, nonostante la massima capacità riproduttiva sia intorno ai 20-25 anni e questo spostamento temporale va ad amplificare i problemi di infertilità che potrebbero già essere presenti nella coppia. Secondo i dati raccolti dall'Istituto Superiore di Sanità (relativi al 2006) i problemi di concepimento sono nel 35% dei casi da ricercarsi nell'uomo, nel 35% nella donna, nel 15% dipendono da entrambi e nel restante

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze e Tecnologie

Autore: Silvia D'angelosante Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 487 click dal 04/12/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.