Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il puzzle assistenziale dinamico: assistenza infermieristica al malato di Alzheimer

Ho trattato l'assistenza infermieristica al malato di Alzheimer secondo lo stadio della malattia, prendendo in considerazione la terapia farmacologica e la terapia alternativa, in particolare musicoterapia, pet therapy e uso di giardino sensoriale. Ho analizzato l'incidenza della patologia nella mia città, sottolineando la necessità di una rete di servizi efficiente per sostenere malato e caregiver. Mostro due schede da me proposte all'ambulatorio dell'ASL 5.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Ho scelto la malattia di Alzheimer come argomento della tesi per diversi motivi. In primis, l’Alzheimer è una patologia con cui la società, a livello mondiale, è costretta a confrontarsi, in quanto è una malattia invalidante da cui non si guarisce e che richiede interventi di tipo assistenziale, sociale e sanitario per tutta la vita della persona. “L’Alzheimer è una malattia inquietante perché coinvolge la nostra identità e la nostra storia: è devastante (è come morire ogni giorno), è lunga perché può durare anche 20 anni, è sfibrante perché richiede un’assistenza al malato di 24 ore al giorno, ed è una malattia per la quale non esistono farmaci miracolosi.” 1 La malattia coinvolge l’identità e la storia della persona, le ruba il passato, le impedisce di comprendere il proprio presente e le nega la possibilità di vivere il proprio futuro. Inoltre impedisce alla persona di provare ogni tipo di emozione, rubando dalla sua mente i ricordi e svuotandola della sua identità fino a farla diventare un vegetale. A livello familiare, essa obbliga le persone che accudiscono il malato a ritrovare una dimensione “prettamente umana”, fondata sulla relazione, che non è più solamente verbale, ma empatica, intuitiva ed affettiva. Non a caso, proprio la famiglia è considerata la “seconda vittima”della demenza, 2 visto proprio il “caregiver burden”, cioè il carico assistenziale che la malattia comporta. 1 L’OPERATORE E IL PAZIENTE ALZHEIMER. Manuale per prendersi cura del malato. di R. Galli e M. Liscio CASA EDITRICE MC GRAW HILL 2 La demenza, strumenti e metodi di valutazione, Trabucchi, casa editrice Mc Graw Hill

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Silvia Leporati Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13123 click dal 11/12/2013.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.