Skip to content

Restart Italia, una indagine empirica sulle startup italiane e sui programmi di incubazione a supporto dell'imprenditorialità

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Potenza
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scuola di economia, management e statistica
  Corso: Direzione aiendale
  Relatore: Simone Ferriani
Coautore: Giovanni Enrico Passarini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

Nella definizione “supporto all’ imprenditorialità” rientrano tutte le strutture e le iniziative tese a favorire la nascita e lo sviluppo di attività imprenditoriali in un particolare contesto. Tra queste da un lato ci sono le strutture di incubazione e accelerazione, focus primario di questo lavoro, dall’ altro le start-up competition, che, premiando i team più validi e le idee più brillanti e scalabili, offrono sostegno e incentivi alle start-up migliori.
Uno dei principali ruoli degli operatori del sistema di supporto imprenditoriale è quello di facilitare la transizione da “aspirante imprenditore” a “founder ”, nonché di fornire supporto a chi ha già creato la propria impresa. Oggi in Italia, anche a causa del basso tasso di occupazione (soprattutto giovanile), moltissime persone sarebbero disposte a “mettersi in proprio”. Per capire di che numeri stiamo parlando possiamo fare riferimento a un’ indagine promossa daHuman Highway , tramite il portale web Italia Start-up, la quale attesta che sono 300.000 gli italiani che vorrebbero diventare imprenditori. Un numero considerevole, sicuramente inflazionato dalla recente crisi economica, che, come si è detto, ha fatto aumentare l’ eccedenza di forza lavoro. In un contesto di crisi generale è più che mai importante sfruttare questo “potenziale imprenditoriale” inespresso e latente, che inciderebbe sicuramente in maniera positiva sul sistema Italia, aiutandolo a ritrovare produttività e competitività. Le spinte e l’ interesse verso l’ imprenditorialità sono testimoniati anche da un’ accresciuta attenzione da parte dei regolatori, in particolare grazie al decreto legge crescita 2.0 , emanato dal governo Monti. Tale norma prevede maggiori incentivi, agevolazioni fiscali e procedure più flessibili a chi desideri aprire una start-up. Inoltre è stata istituita la nascita di una nuova tipologia d’imprese al’ interno del registro delle imprese: le “start-up innovative”.Lo sforzo legislativo ha probabilmente contribuito in maniera sostanziale all’ aumento della nascita delle start-up sul territorio nazionale. 1172 start-up innovative si sono iscritte nella sezione speciale del registro delle imprese solamente nei primi 9 mesi del 2013 .
A ciò si aggiunge anche il tentativo da parte dei regolatori italiani di regolamentare lo strumento del crowdfunding tramite il regolamento approvato nel mese di Luglio 2013. Anche in questo caso assistiamo ad un tentativo di tipizzare e disciplinare una pratica di finanziamento già molto sviluppata al di fuori dei confini nazionali e soprattutto negli Stati Uniti. Per quanto riguarda le strutture di supporto italiane abbiamo contato e mappato 85 tra incubatori e acceleratori sparsi su tutto il territorio nazionale. La regione che ne ospita il maggior numero è la Lombardia (23,5%), seguita dalla Toscana (18,8%) e dal Lazio (12,9%). Già ad un primo sguardo risalta la differenza di concentrazione di queste strutture tra le varie zone del Paese. Infatti l’ intero sud Italia dispone in totale di 9 strutture di incubazione/accelerazione (10,6% del totale) , pari a quelle presenti nel solo Veneto. Del resto tra le start-up innovative della camera di commercio possiamo notare che, delle 1047 neo-aziende presenti , ben 640 sono situate nel Nord Italia (61,1%), 263 nel Centro Italia (25,1%) e solo 144 nel Sud e nelle isole (13,8%). Questi dati fotografano un’ Italia a due velocità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. Introduzione 1.1 Il sistema di supporto all’ imprenditorialità italiano Nella definizione “supporto all’ imprenditorialità” rientrano tutte le strutture e le iniziative tese a favorire la nascita e lo sviluppo di attività imprenditoriali in un particolare contesto. Tra queste da un lato ci sono le strutture di incubazione e accelerazione, focus primario di questo lavoro, dall’ altro le start-up competition, che, premiando i team più validi e le idee più brillanti e scalabili, offrono sostegno e incentivi alle start-up migliori. Uno dei principali ruoli degli operatori del sistema di supporto imprenditoriale è quello di facilitare la transizione da “aspirante imprenditore” a “founder 1 ”, nonché di fornire supporto a chi ha già creato la propria impresa. Oggi in Italia, anche a causa del basso tasso di occupazione (soprattutto giovanile), moltissime persone sarebbero disposte a “mettersi in proprio”. Per capire di che numeri stiamo parlando possiamo fare riferimento a un’ indagine promossa daHuman Highway 2 , tramite il portale web Italia Start-up, la quale attesta che sono 300.000 gli italiani che vorrebbero diventare imprenditori. Un numero considerevole, sicuramente inflazionato dalla recente crisi economica, che, come si è detto, ha fattoaumentare l’ eccedenza di forza lavoro. In un contesto di crisi generale è più che mai importante sfruttare questo “potenziale imprenditoriale” inespresso e latente, che inciderebbe sicuramente in maniera positiva sul sistema Italia, aiutandolo a ritrovare produttività e competitività. Le spinte e l’ interesse verso l’ imprenditorialità sono testimoniati anche da un’ accresciuta attenzione da parte dei regolatori, in particolare grazie al decreto leggecrescita 2.0 3 , emanato dal governo Monti. Tale norma prevede maggiori incentivi, agevolazioni fiscali e procedure più flessibili a chi desideri aprire una start-up. Inoltre è stata istituita la nascita di una nuova tipologia d’imprese al’ interno del registro delle imprese: le “start-up innovative”. Per quanto riguarda i requisiti formali per essere iscritti a questa categoria essi sono i seguenti:  l’impresa deve essere una società di capitali 1 Fondatore, ovvero chi ha fondato un’ impresa 2 http://www.techeconomy.it/2013/06/18/italia-start-up-nel-belpaese-sono-300mila-gli-aspiranti- imprenditori/ 3 http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto-legge:2012-10-18;179!vig

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impresa
finanziamenti
start up
competition
imprenditorialità
incubatori
incubatore
acceleratori
startup
founder

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi