Skip to content

Percepire un luogo: il caso della Regione Lazio

Informazioni tesi

  Autore: Gianfranco Tedesco
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Management
  Relatore: Attilio Bruni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

Oggigiorno il fenomeno della globalizzazione ha reso il mondo un vero e proprio “mercato globale”, in cui ogni nazione, e per estensione, ogni città, regione, in generale ogni territorio, deve competere con tutti gli altri per la sua parte di “consumatori”, turisti, investitori esterni al territorio, studenti, imprenditori, eventi di ogni genere che siano in grado di apportare un risalto, possibilmente internazionale, e siano in grado di far ottenere il rispetto dei mezzi di comunicazione.
Quanto detto, delinea il quadro di riferimento in cui si inserisce la presente tesi sperimentale. Infatti, il presente lavoro nasce con l’intento di accrescere l’efficacia delle politiche di marketing territoriale della Regione Lazio definendo l’attuale posizionamento che il Lazio presenta; individuando le strategie di comunicazione adottate dall’amministrazione regionale a livello locale, nazionale e internazionale per veicolare l’immagine stessa della regione; e, soprattutto, delineando quei tratti identitari regionali, che siano per loro natura distintivi, da poter essere riutilizzati in un processo di modifica dell’attuale brand regionale. Lo scopo, è quello di migliorare l’attuale immagine del Lazio attraverso un riposizionamento, distintivo e credibile, capace di guidare la narrazione della Regione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione Oggigiorno il fenomeno della globalizzazione ha reso il mondo un vero e proprio “mercato globale” 1 , in cui ogni nazione, e per estensione, ogni città, regione, in generale ogni territorio, deve competere con tutti gli altri per la sua parte di “consumatori”, turisti, investitori esterni al territorio, studenti, imprenditori, eventi di ogni genere che siano in grado di apportare un risalto, possibilmente internazionale, e siano in grado di far ottenere il rispetto dei mezzi di comunicazione. In un mercato così caotico e affollato, la maggior parte di queste persone e organizzazioni, probabilmente non hanno il tempo di cogliere la realtà degli altri paesi, vicini e lontani. Navighiamo tutti nella grande complessità del mondo moderno, armati di pochi semplici, e a volte errati, cliché, che costituiscono la base delle nostre opinioni, anche se non ne siamo sempre coscienti e non siamo sempre pronti ad ammetterli: Parigi e Milano sono le capitali della moda, Roma è la capitale dell’arte, il Giappone il paese della tecnologia, la Svizzera il paese della ricchezza e della precisione, Rio de Janeiro è la città del carnevale e del calcio, la Toscana la regione del buon vivere o la maggior parte delle nazioni africane sono associate a idee di povertà, corruzione, guerra e malattia. Molti di noi rischiano di cadere nella “trappola” di convogliare la maggioranza delle attenzioni e preoccupazioni se stessi piuttosto che fermarsi un secondo per provare a formulare visioni complete, equilibrate e informate su un determinato paese, una regione o una città. Queste visioni, infatti, vanno oltre quelle generate attraverso le informazioni che possono essere reperite da una semplice guida turistica piuttosto che attraverso il web. Ne consegue, l’affidarsi ad indicazioni spesso sommarie riguardanti altri popoli e altri luoghi, quelli che probabilmente non conosceremo né visiteremo mai, e approfondiamo queste semplici impressioni, magari stravolgendole completamente, in positivo, solo quando per qualche ragione dobbiamo avere a che fare con essi. Questi cliché e stereotipi (positivi o negativi, veri o falsi che siano), influenzano radicalmente il nostro comportamento verso altri luoghi, popolazioni e prodotti ed è molto 1 S. Anholt, 2007 2 S. Anholt, 2007 3 Adelmeque C., Kemeris S., Senkius D, 1984.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing
marketing territoriale
marchio
brand
marca
logo
ricerche di marketing
regione lazio
place branding
tesi magistrale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi