Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Figure dell'aggressività materna

La presente tesi tratta un tema molto forte, oggi più che mai attuale ma ancora poco discusso, poco affrontato adeguatamente.Vengono descritti casi di madri assassine, autrici del delitto, per motivazioni diverse, tra le quali quelle dell’Ospedale psichiatrico di Castiglione delle Stiviere e diverse altre.Si cercherà di conoscere l’ambiente affettivo, relazionale e sociale in cui una madre, autrice del reato, è da considerare l’unica responsabile o vi è la complice indifferenza di chi vi è accanto.Cercare di capire come una madre, che dovrebbe proteggere il proprio bambino, invece decide di togliergli la vita.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 FIGURE DELL’AGGRESSIVITA’ MATERNA INTRODUZIONE La presente tesi tratta un tema molto forte, oggi più che mai attuale ma ancora poco discusso, poco affrontato adeguatamente. E’ un fenomeno sempre esistito sin dall’antichità e le cronache attuali sono piene di casi di aggressività materna. Di fronte alle agghiaccianti notizie di cronaca che descrivono orrendi reati ai danni di bambini si rimane inorriditi, e si diventa terribili giudici verso madri infanticida senza però chiedersi perché una madre diventa così aggressiva da uccidere il proprio figlio. Questo elaborato nasce come tentativo di esplorare, attraverso un’accurata ricerca da fonti di autorevoli autori, che studiano la donna sin dalla gravidanza e in seguito come madre. Comprendere cosa accade nella sua mente, quali sono i suoi pensieri, le paure, i disagi o disturbi psichiatrici tali da degenerare nell’uccisione del proprio figlio. Scopo di tale lavoro è quello di cercare di capire come una madre, che dovrebbe proteggere il proprio bambino, invece decide di togliergli la vita. Pertanto inizierò a trattare gli aspetti psicologici della gravidanza, periodo abbastanza lungo, in cui certamente vi sono molti cambiamenti, sia ormonali che fisiologici, relazionali e psicologici. Quali sono i suoi vissuti e quali i sentimenti della donna che in quel periodo della sua vita fanno presagire un eventuale malessere o una vera e propria patologia. Saranno descritte le varie motivazioni e situazioni che possono spingere una madre al delitto. Se l’istinto e lo spirito materno sono

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Rita Montalto Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 747 click dal 18/12/2013.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.