Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli incubatori come stimolo al processo innovativo. Un confronto tra le principali economie moderne

La mia tesi tratta il tema degli incubatori d'impresa come stimolo al processo innovativo. Questi sono delle organizzazioni che hanno lo scopo di supportare le imprese nel loro processo di nascita e maturazione attraverso l'erogazione di servizi di supporto integrati che spaziano da servizi di struttura a servizi di supporto al business, opportunità d'integrazione e networking.
Nel primo capitolo della mia tesi affranto una descrizione della nascita e sviluppo di questo genere di organizzazioni.
Nel secondo capitolo vengono trattati i processi d'incubazione, best practices e tipologie di incubatore.
Nel terzo capitolo tratto il tema dell'imprenditorialità, la difficoltà nel fare impresa e i fallimenti nel mercato nel settore innovativo.
Successivamente i capitoli trattano l'efficacia dell'incubazione, in particolar evidenza, vengono trattati gli effetti sulla performance, crescita, occupazione creata, opportunità di networking e innovazione. Vengono poi descritte le influenze con la vincinanza universitaria e la creazioen di spin off.
Infine vengono descritte le principali presenze d'icubatori nel mondo e le loro caratteristiche. nella parte finale del lavoro tratto una breve conclusione personale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La fondazione di nuove imprese è un processo che riveste una grande importanza, date le sue implicazioni sia in termini d’innovazione, sia di sviluppo economico. Nonostante questo, le start up incorrono in numerosi ostacoli durante la formazione dell’impresa. Questo accade a causa della complessa burocrazia, della scarsa capacità imprenditoriale, della forte competizione, della mancanza di sufficiente capitale, della scarsa propensione verso investimenti rischiosi. L’elaborato ha l’obiettivo di mettere in risalto il ruolo degli incubatori come strumenti in grado di promuovere innovazione, imprenditorialità e sviluppo economico. A tal fine, è illustrato il panorama delle strutture che svolgono attività di sostegno alle imprese. Il punto di partenza del primo capitolo è uno sguardo agli eventi che hanno portato alla nascita del primo “Business Incubator”. Sono descritte le principali tipologie di queste strutture d’incubazione e la loro presenza nelle principali economie mondiali. Nel secondo capitolo è esposta una descrizione delle principali pratiche adottate dagli incubatori nello sviluppo dell’attività di supporto alle imprese. In particolare sono analizzate le scelte organizzative, le strategie d’investimento, le modalità di selezione delle start up da ospitare, il supporto al business che si vuole fornire, la rete di relazioni che si decide di creare, tutto questo, al fine di individuare le migliori pratiche adottabili. Nel terzo capitolo è esposto il tema dell’imprenditorialità. Il capitolo vede le start up alle prese con problemi di finanziamento e di management, espone le difficoltà alla creazione di relazioni con altri partner commerciali e all’accesso a informazioni e conoscenze. Mostrando gli ostacoli nei quali i nuovi imprenditori incorrono nel processo di creazione d’impresa, si propone l’uso degli incubatori come soluzione al problema dei fallimenti del mercato. A questo proposito, nel quarto capitolo, sono illustrati i principali risultati raggiunti grazie all’utilizzo degli incubatori nelle economie locali. Si evidenzia un miglioramento del tasso di sopravvivenza e performance delle start up incubate, un’attrazione verso queste organizzazioni di capitale umano altamente qualificato, un miglioramento nelle

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Veronica Lecca Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2779 click dal 18/12/2013.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.