Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cambiamenti cognitivo-emotivi nella depressione, ansia e attacchi di panico nel percorso Sudarshan Kriya Yoga presso l'Ospedale Fatebenefratelli di Milano

Il presente lavoro fa riferimento al progetto pilota che il Dipartimento di Neuroscienze dell’A.O. Fatebenefratelli di Milano sta svolgendo in associazione con IAHV Italia, per dimostrare empiricamente la validità del percorso Sudharshan Kriya Yoga (Sky) applicato a persone che soffrono di ansia, depressione e attacchi di panico. Questa tecnica è stata diffusa in tutto il mondo dal maestro indiano Śrī Śrī Ravi Shankar. I soggetti che seguono questo percorso apprendono delle particolari tecniche di respirazione che agiscono a livello biologico soprattutto attraverso la stimolazione del sistema simpato-vagale, apportando conseguenti modifiche anche a livello psicologico. I risultati pubblicati fino a ora sono incoraggianti e dimostrano una diminuzione dei sintomi e dell’assunzione degli psicofarmaci. Questa ricerca prende in esame la percezione del percorso Sky, espressa in forma scritta da 8 partecipanti, nella fase iniziale e a 3 mesi dall’inizio. Attraverso l’analisi dei loro testi, si propone di verificare la presenza di assetti tematici discorsivi come possibili indicatori di cambiamento sul piano cognitivo emotivo di questi soggetti. Il presente contributo è una analisi di tipo qualitativo; per raccogliere gli scritti è stato utilizzato il metodo di "Scrittura espressiva" di Pennebaker; i testi sono stati sottoposti a indagine dei contenuti con il programma T-Lab. I risultati evidenziano un miglioramento dell’assetto tematico discorsivo nelle persone che hanno svolto il compito di "Scrittura espressiva". Questo lavoro non intende avere nessuna validità scientifica visto l’esiguo numero di soggetti coinvolti; piuttosto, l’andamento dei risultati di questi scritti vorrebbe fornire lo spunto per una eventuale correlazione con i dati clinici risultanti dai test somministrati dall’équipe medica dell’ospedale.

Mostra/Nascondi contenuto.
49 3 UN CONFRONTO CON LA PSICO-NEURO- ENDOCRINO-IMMUNOLOGIA 3.1 Perché considerare un uso dello Yoga nei casi di depressione, ansia ed attacchi di panico? A questa domanda, il terapista Sky, dott. Roberto Sanlorenzo, direttore IHAV Italia e responsabile del progetto di ricerca Sky presso l‟AOL Fatebenefratelli di Milano (recentemente da me intervistato) ha risposto: “…lo Yoga è uno degli strumenti più raffinati di consapevolezza psico-corporea e di lavoro sul respiro, è chiaro che, in base alle conoscenze di neuroscienze sviluppate negli ultimi 5 anni, non può non essere un modo importante per intervenire su questo genere di disturbi, perché sono legati comunque ai bioritmi, all‟asse dello stress, al sistema parasimpatico e dunque anche all‟uso del respiro Prima di spiegare come SKY agisce a livello neurofisiologico e psicologico, faccio una digressione per spiegare come è strutturato e come agisce l‟asse dello dello stress e i cambiamenti ormonali 3.2 Lo stress Walter Cannon, tra il 1910 e il 1920, introdusse per primo il concetto di stress, che nella lingua inglese significa sforzo e che fino ad allora era stato utilizzato in ingegneria per definire lo sforzo o la tensione cui sono sottoposti i materiali, per indicare una reazione di allarme prodotta nell‟organismo da uno stimolo esterno. Lo stress è una reazione emozionale intensa a una serie di stimoli esterni che mettono in moto risposte fisiologiche e psicologiche di natura adattiva. Se gli sforzi del soggetto falliscono perchè lo stress supera le capacità di risposta, l‟individuo è sottoposto a una vulnerabilità nei confronti della malattia psichica, di quella somatica o di entrambe.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alessia Paro Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 907 click dal 20/12/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.