Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La normativa a tutela dei minori nella televisione italiana e francese. Il caso applicativo di Mediaset e TF1.

Tesi accurata sulla normativa vigente sulla tutela dei minori in campo televisivo non solo in Italia ed in Francia ma anche in modo più generico in Europa e nel mondo. Oltre allo studio concreto dell'applicazione dei vari codici da parte di due emittenti private una francese e l'altra italiana.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Questo lavoro intende indagare sulla tutela dei minori nel settore televisivo. Si tratta di una lunga ricerca in ambito giuridico e non, per definire in modo preciso quali strumenti sono a disposizione per salvaguardare l’infanzia da programmi che possano nuocere allo sviluppo fisico, psichico e morale. Più nel dettaglio l’opera inizia facendo un rapido excursus sulle iniziative promosse sin dalle origini del novecento dall’ONU e altri organismi internazionali; ne emerge come sia cambiato a livello mondiale la concezione di bambino e di conseguenza anche le convenzioni poste a sua salvaguardia. Il bambino è un cittadino autonomo a tutti gli effetti, necessita di essere considerato soggetto con diritti ed esigenze particolari legate al suo stato di crescita, essere vulnerabile che richiede protezione da possibili fonti che possano nuocere al suo sviluppo. La televisione si colloca al centro di questa grande diatriba: medium più diffuso e accessibile, ha contribuito all’alfabetizzazione, ha cresciuto generazioni intere eppure è accusato di distribuire violenza e pornografia a tutte le ore.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Simona Venafro Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4014 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.