Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I rapporti tra disciplina antitrust e tutela della proprietà intellettuale: il caso Pfizer

Nel documento è presente un’iniziale approfondimento della disciplina antitrust e della proprietà intellettuale, in particolare sulle loro funzioni, i loro obiettivi e sulle istituzioni create allo scopo di garantire l’una e l’altra. Seguirà un esame della relazione che
intercorre tra le due e ci si soffermerà, in particolare, su quanto avviene nel settore farmaceutico.
La parte conclusiva del presente lavoro mira, infine, all’analisi del caso avente come protagonista il leader farmaceutico Pfizer (caso Pfizer), riguardante la copertura brevettuale del principio attivo latanoprost, contenuto nel medicinale Xalatan per la cura del glaucoma.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il contrasto tra la tutela della concorrenza e la tutela della proprietà intellettuale è un tema che, da oltre un secolo, è oggetto di dibattito non solo tra gli studiosi, ma soprattutto tra gli organi amministrativi e giudiziari mondiali che si occupano della materia. Negli ultimi decenni si è assistito, prima negli Stati Uniti e poi in Europa, ad un’evoluzione nel bilanciamento tra efficienza del mercato e tutela della concorrenza. Inizialmente, in primo piano era posta la tutela della concorrenza come valore in sé, con l’abolizione e l’eliminazione di ogni possibile minaccia nei suoi confronti; in un secondo momento, invece, la priorità si è spostata sulla tutela dei consumatori, quindi sull’efficienza del mercato stesso. L’attenzione è focalizzata, in questa sede, sul conflitto sia istituzionale sia giurisprudenziale che sorge al momento della scelta tra la tutela della concorrenza e la tutela dei diritti di proprietà intellettuale, come nel caso dei brevetti. Tale conflitto si presenta in molti settori industriali, specialmente in quelli ad alto contenuto tecnologico e, in particolare, in quello farmaceutico che, essendo caratterizzati da ingenti investimenti in ricerca, richiedono una copertura brevettuale altrettanto forte. Si tratta di un argomento molto interessante in quanto, data la complessità che lo caratterizza, non si giunge sempre ad una conclusione certa e definitiva; accade spesso, infatti, che organi ed istituzioni giungano a decisioni opposte, pur prendendo in esame il medesimo caso. L’obiettivo auspicabile è la conquista di un equilibrio ideale, che sembra non essere stato ancora perseguito. Allo scopo di analizzare il conflitto di cui sopra, è indispensabile una panoramica sulle leggi che lo regolano. Si procederà pertanto, ad un’iniziale approfondimento della disciplina antitrust e della proprietà intellettuale, in particolare sulle loro funzioni, i loro obiettivi e sulle istituzioni create allo scopo di garantire l’una e l’altra. Seguirà un esame della relazione che

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Salvatore Merola Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1675 click dal 14/01/2014.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.