Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il cosiddetto mobbing: proposte di tutela per il lavoratore

Si tratta dell'analisi del fenomeno del mobbing in ambito giuridico.
Tale fenomeno viene studiato attraverso la presentazione di casistiche concrete, sentenze e proposte di legge.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE Il termine “mobbing”, dal verbo inglese “to mob”, significa aggredire, circondare per assalire; esso è mediato dall’etologia e si riferisce al comportamento di alcune specie animali, solite circondare minacciosamente un membro del gruppo, al fine di eliminarlo, perché ritenuto diverso, pericoloso, o inadeguato. Nell’ambito lavorativo il mobbing implica un processo conflittuale che si sviluppa all’interno delle relazioni e delle situazioni dei gruppi di lavoro: il dipendente è oggetto di soprusi da parte dei superiori, essendo poste in essere nei suoi confronti pratiche dirette ad isolarlo dall’ambiente di lavoro e, nei casi più gravi, ad espellerlo. Queste pratiche hanno un effetto deleterio sull’equilibrio psichico del prestatore di lavoro e ne pregiudicano la capacità lavorativa, provocando depressione e, nelle ipotesi peggiori, persino il suicidio. L’aggressione si può sostanziare attraverso molestie morali e psicologiche esercitate da uno o più individui nei riguardi di un altro soggetto; essa si attua tra pari (mobbing orizzontale) o nell’ambito della gerarchia aziendale, tra capo e subordinato (mobbing verticale). Il mobbing esclude dal suo campo i conflitti temporanei: da ciò si desume la distinzione fra un semplice conflitto e il fenomeno in esame, il quale s’incentra non su ciò che è inflitto alla vittima, ma sulla durata e frequenza.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Maddalena Beda Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7795 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.