Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutare le azioni di catechesi parrocchiale. Uno studio esplorativo

Con la presente tesi abbiamo voluto AVVIARE un percorso di CONOSCENZA COMPRENSIONE INTERPRETAZIONE delle AZIONI DI CATECHESI A LIVELLO PARROCCHIALE per comprenderne la FENOMENOLOGIA.

Sottolineiamo la NATURA ESPLORATIVA del nostro lavoro. Se da un lato, proprio in quanto studio esplorativo, il lavoro ha comportato una serie di difficoltà, dall’altro ha sempre perseguito obiettivi di conoscenza e comprensione di tipo scientifico.
La tesi è nata dalla CONSTATAZIONE, TRAMUTATASI POI IN CONSAPEVOLEZZA, che: non esiste una realtà LETTERATURA PEDAGOGICO-SCIENTIFICA che valuti gli effetti e le azioni dei catechisti o che valuti l’azione catechistica condotta diffusamente nelle parrocchie italiane ma esiste solo una LETTERATURA PEDAGOGICO-OPERATIVA finalizzata al supporto dei catechisti.
Inoltre non esiste una documentazione accessibile che riporti le azioni di valutazione e monitoraggio probabilmente compiute ai micro-livelli.
La tesi descrive l’ORGANIZZAZIONE DELLA CATECHESI PARROCCHIALE condotta nel singolo caso di una piccola parrocchia della provincia di Bologna di cui abbiamo deciso di analizzare e descrivere contenuti e metodi operativi. Lo SCOPO era quello di individuare gli elementi che avrebbero permesso una valutazione scientifica delle attività complessive di catechesi:
Il FOCUS del lavoro si è concentrato attorno a tre punti principali: il soggetto che riceve formazione e la sua percezione personale delle attività di catechesi;la famiglia e la sua influenza educativa, le sue aspettative e motivazioni, o presunte motivazioni, rispetto al catechismo; l’efficacia didattica del catechista, che include la sua capacità di osservazione e conoscenza degli allievi e delle loro famiglie.
In pratica il nostro lavoro si è focalizzato sul terzo elemento. Le attività che la parrocchia propone sono azioni didattiche di contenuto specifico, rispetto alle quali tuttavia sono apparse più importanti le tipologie delle relazioni che si instaurano fra i vari “attori” che si muovono nell’ambito parrocchiale.
Il METODO DI LAVORO seguito ha integrato INTERVISTE INFORMALI, RACCOLTA DATI –attraverso l’uso di questionari- e OSSERVAZIONE DIRETTA. L’assenza di interviste formali è dovuta appunto a questa mia personale natura di OSSERVATORE PARTECIPANTE: questo STATUS avrebbe potuto impedire ai soggetti intervistati di affrontare con la dovuta sincerità gli aspetti più delicati della materia trattata, tuttavia mi ha anche consentito di attingere a dati non rilevabili da osservatori esterni e neutrali.
- Le RIFLESSIONI, che spontaneamente sorgono sono molteplici, e ci auguriamo che possa nascere una linea di studi che si occupi più da vicino dei problemi formativi.
Problemi che sembrerebbero esistere anche a livello della catechesi, ma che in questa tesi non sono stati affrontati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE I tempi cambiano e noi mutiamo con essi, sostiene un detto popolare. La società è cambiata. Famiglia, scuola e ambiente circostante hanno subito un’evoluzione. Gli schemi educativi utilizzati in passato non sembrerebbero essere più sufficienti. Così, anche nel campo dell’educazione religiosa fornita dall’ambiente parrocchiale. Se un tempo bastava che il catechista fornisse al fanciullo un’infarinatura di base della propria religione - perché alle spalle si poteva supporre una coppia di genitori responsabili della formazione religiosa del figlio - oggi questo metodo non sembrerebbe più bastare. Nel Sinodo dei Vescovi, celebrato a Roma nel dicembre del 1985, i Padri Sinodali avevano già avvertito il pericolo in cui si trova la trasmissione della fede e dei valori morali evangelici alle nuove generazioni: “Si richiede per questo un nuovo sforzo nell’evangelizzazione e nella catechesi integrale e sistematica” 1 . Dal momento che la famiglia moderna sembra avere rinunciato, in modo più o meno inconsapevole, al ruolo di prima comunità naturale educatrice dei figli, sembrerebbe più che mai urgente occuparsi in modo più approfondito della questione. Diversi i punti di vista dai quali il tema della formazione religiosa a livello parrocchiale può essere indagata. Sembrerebbe necessario l’avvio di un percorso di conoscenza, comprensione, interpretazione delle azioni di catechesi, a partire dalla situazione familiare delle persone che la ricevono. All’interno della Chiesa Cattolica, le ultime riflessioni al riguardo della formazione catechistica a tutti i livelli – bambini, ragazzi, giovani e catechisti - furono proposte negli anni Novanta 2 . Manca tuttavia una letteratura pedagogico-scientifica che valuti gli effetti della catechesi, o che valuti l’azione catechistica condotta diffusamente nelle parrocchie italiane. La letteratura pedagogico- operativa esistente è in genere finalizzata al supporto ai catechisti, rispetto alle finalità e ai metodi del loro lavoro. Se azioni di valutazione e monitoraggio sono state compiute ai micro-livelli (cosa probabilmente accaduta), non esiste tuttavia una documentazione accessibile, e quindi manca perfino la condivisione rispetto agli elementi specifici da 1 Citato da Giovanni Paolo II, Discorso ai membri della conferenza episcopale tedesca, 30 aprile 1987. 2 Giovanni Paolo II, Esortazione Apostolica Catechesi Tradendae, n. 68, 1979; Sinodo dei Vescovi del 1985, Relazione finale, B 2; 53 o Assemblea Plenaria della Conferenza Episcopale Spagnola, Istruzione Pastorale La Verdad os harà libres (La verità vi renderà liberi), sulla coscienza cristiana davanti all’attuale situazione morale della nostra società; Congresso per il clero, Direttorio Catechistico Generale, 1997; Il Conferenza Episcopale Italiana, Il rinnovamento della catechesi, 1970.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandra Tampieri Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 491 click dal 10/01/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.