Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"Quindici", 1967-1969: una rivista per le neoavanguardie artistiche in Italia

La tesi analizza alcuni articoli dedicati all'arte pubblicati sul mensile "Quindici", nato dal lavoro del Gruppo 63, tra il 1967 ed il 1969 con l'intento di delineare i tratti essenziali del panorama culturale italiano alla fine degli anni sessanta. Attraverso questa ricerca, inoltre, è stato possibile chiarire il ruolo totalmente innovativo che la rivista "Quindici" assunse nello sviluppo e nella diffusione delle neoavanguardie artistiche in Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La rivista “Quindici” nacque a Roma nel giugno del 1967 su progetto di alcuni esponenti della neoavanguardia, diventando in breve tempo il bollettino ufficiale del Gruppo 63. 1 Diretto da Alfredo Giuliani fino al numero 18, quando subentrò Nanni Balestrini già direttore editoriale, il mensile proseguì la sua attività fino all’agosto del 1969 occupandosi inizialmente soprattutto di questioni letterarie, giungendo in seguito all’approfondimento delle più disparate tematiche, dall’arte alla scienza, dalla politica alla società. 2 Il periodo storico sulla quale si concentra questo lavoro, ovvero la seconda metà degli anni sessanta, segnò un momento di grosse trasformazioni politiche e sociali non solo in ambito italiano, ma parallelamente anche a livello internazionale. Esplosero le lotte degli studenti e dei lavoratori a livello mondiale: Berkeley, Tokio, Londra, Berlino, Parigi, Roma, Torino, Praga, Varsavia, parte dell’America Latina ed altri grossi centri furono coinvolti in quella che Alain Touraine identificò come “l’ultima giornata rivoluzionaria dell’Ottocento” e che altri studiosi, invece, interpretarono come momento culminante di un vastissimo processo di liberazione ed indipendenza. 3 Il movimento di protesta raggiunse il suo picco nel 1968, anno in cui il manifestarsi di molteplici crisi sociali si trasformò in vero e proprio collante fra paesi con realtà politiche, sociali e culturali molto diversificate fra loro. 4 1 C. Salaris, P. Echaurren, Controcultura in Italia 1967-1977, Torino, Bollati Boringhieri 1999, p. 104. 2 Ivi, p. 105. 3 N. Balestrini, P. Moroni, L'orda d'oro 1968-1977. La grande ondata rivoluzionaria e creativa, politica ed esistenziale, Feltrinelli 2007, pp. 220–221. 4 Ivi, pp. 221-222.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Silvia Squillante Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1002 click dal 15/01/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.