Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

George Boole e l'Algebra Booleana - Logica e Comunicazione

Il mio lavoro è nato con lo scopo di esplicitare nel più semplice e nel miglior modo possibile quello che fu il pensiero del logico e matematico George Boole, e quelle che furono le conseguenze del suo lavoro per le applicazioni successive. Ho analizzato prima il periodo storico nel quale si mette in moto il genio di Boole ponendo attenzione ai cambiamenti che esso apportò nel campo logico e matematico. Ho analizzato poi in concreto l'analisi matematica della logica di Boole stesso. Infine ho accennato alle importanti conseguenze che questo lavoro ha avuto nel campo prima dell'elettronica e poi dell'informatica.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa “Le grandi menti hanno sempre attratto la mia attenzione”. Potrebbe bastare questo enunciato per dare ragione delle motivazioni che mi hanno spinto a trattare quello che fu il lavoro del matematico e logico George Boole. Ma per correttezza cercherò di esporre tali motivazione con rigore. La prima, e forse prima anche per importanza, fu il cambiamento drastico che l’opera di Boole diede su tutto il panorama degli studi di logica. Per secoli essa è restata aggrappata ad un suo unico e grande studioso, che, per così dire, la inventò e la porto all’attenzione dei “grandi”. Questi fu Aristotele, grande filosofo di un tempo. La logica nacque quindi all’interno della filosofia, e lì vi restò indisturbata, fino a quando, per dirla alla Hugh McColl, “la logica non si ritrovò invasa per la prima volta da una potenza straniera con armi che i logici avevano fin troppa ragione di temere”. Questa potenza straniera era la logica matematica di Boole e queste armi non erano altro che quell’algebra astratta e quel ragionamento simbolico che George Boole introdusse nello studio della logica. La seconda motivazione furono le influenze ad ampio raggio che ebbe l’Opera Booleana. Anzitutto un cambiamento all’interno del campo filosofico, dato che si capì che la logica avrebbe potuto finalmente intraprendere un cammino autonomo, seppure sempre filosoficamente condizionato, tra le scienze matematiche. Cambiamento quindi nella matematica, in particolare nell’algebra, dato che questa poteva essere utilizzata come base formale per problemi di natura logica. Cambiamento infine nella logica stessa, con Boole ottenne infatti quella formalità e quel rigore di contenuto che mai aveva avuto nel passato. Terza ed ultima motivazione sono le successive applicazione che ebbe la teoria booleana. E’ attualmente utilizzata come base per la costruzione dei circuiti digitali nell’elettronica e 7

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paolo Moretti Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1142 click dal 16/01/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.