Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Malinteso: intesa interculturale

In questo elaborato finale si è voluto far luce sulle innegabili difficoltà proprie della comunicazione interculturale, oggi più che in passato forma di dialogo indispensabile per far fronte alle trasformazioni sociali e culturali dettate dal fenomeno della globalizzazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Solo l’assolutamente estraneo può istruirci (Lévinas, 1971; trad. it. 1977). In un contesto d’interdipendenza globale ormai consolidato sorge spontaneo occuparsi di questioni relative all’incontro e alla convivenza d’individui appartenenti a culture diverse. Al pari di quanto aveva affermato Watzlavick (1967) formulando l’assioma metacomunicazionale ‹‹ Non si può non comunicare ››, si può altresì affermare oggi che non si può pensare di poter evitare di comunicare interculturalmente (cfr. Giaccardi, 2005). Secondo Singer (1987) ogni comunicazione è in realtà interculturale, poiché ognuno di noi si rapporta all’altro, di qualsiasi provenienza culturale, anche della propria, adottando il proprio punto di vista che si viene a costituire in base alle proprie caratteristiche fisiologiche, alle proprie influenze culturali, al proprio vissuto che non potrà mai perciò corrispondere esattamente a quello di un altro. È innegabile tuttavia che condividere la stessa cultura può rendere più semplice la comprensione reciproca. Risulta invece più difficile relazionarsi per stabilire un dialogo tra soggetti provenienti da culture differenti, poiché ognuna ha in sé una sua interna complessità. Ricorrere al dialogo, però, è la sola alternativa al conflitto e alle posizioni di chiusura difensiva. Tutto quello che viene percepito, è frutto di un processo di organizzazione che porta a interpretare ogni stimolo esterno attraverso determinate categorie mentali, basate sulla propria cultura e utilizzate per semplificare tali stimoli. Comunicare è scambiarsi delle informazioni appoggiandosi su dei codici, che non sono però universali, ma variano da cultura a cultura, ma soprattutto comunicare è intrattenere una relazione, inserita in un contesto, in un tempo e in un luogo. L’influenza culturale assume un ruolo chiave a livello dell’interlocuzione stessa.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Annalisa Monaca Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 689 click dal 16/01/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.