Skip to content

I reati culturalmente orientati nel dibattito contemporano

Informazioni tesi

  Autore: Egle Boato
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Baldassarre Pastore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

Lo scopo che ci si prefigge con questa tesi è quello di affrontare e di analizzare, alla luce del dilagante multiculturalismo, la nuova fattispecie penale denominata “reato culturalmente orientato” altrimenti detta “reato culturale”.
Tale argomento riveste un certo interesse sia dal punto di vista socio-culturale sia di quello giuridico. Riguardo al primo aspetto vengono in considerazione, in primo luogo, i criteri di individuazione delle minoranze culturali: quali sono gli elementi che caratterizzano un determinato gruppo culturale? La risposta non è così semplice come sembrerebbe in un primo momento, giacché la cultura non è un qualcosa di statico o d’impermeabile, quanto piuttosto fenomeno in continuo divenire. Questa perenne evoluzione si verifica sia a causa delle modificazioni che avvengono all’interno dello stesso gruppo culturale, sia per le contaminazioni derivanti dal contatto con gruppi esterni. Conseguentemente un gruppo culturale X dei nostri giorni non avrà sicuramente le stesse caratteristiche del gruppo culturale X di venti anni fa.
Sempre dal punto di vista socio-culturale, in secondo luogo, vengono in rilievo le questioni legate al riconoscimento delle suddette minoranze dei diritti e dei loro relativi limiti (per l’individuazione e l’individuazione del “gruppo etnico” si farà riferimento ai “Mandla criteria” elaborati dalla House of Lords Britannica). Una volta definito cosa s’intende per gruppo si dovrà distinguere tra gruppi maggioritari e minoritari e delle possibili rivendicazioni che gli uni possono avanzare nei confronti degli altri (si richiama la distinzione di Kymlicka tra le cosiddette “rivendicazione di restrizioni interne” e “rivendicazione di tutele esterne”).
Tra i due gruppi si stanno verificando (ultimamente) sempre più spesso dei conflitti normativi-culturali, cioè dei contrasti tra norme di condotta appartenenti al gruppo minoritario e norme penali previste dall’ordinamento del gruppo maggioritario.
Questi conflitti, che sono alla base del cosiddetto “reato culturale”, suscitano interesse all’interno del sistema giuridico, poiché intaccano il “rapporto di circolarità” da sempre esistente tra culture/valori e fattispecie/sanzioni.
In ogni Stato di qualsiasi epoca, i comportamenti sanzionati penalmente erano quelli che ledevano i beni giuridici tutelati dall’ordinamento, differendo dai valori di cui era portatrice la maggior parte dei cittadini. Tale circolo è stato però spezzato dal dilagante multiculturalismo dei nostri tempi: sono state abbattute barriere linguistiche, doganali e culturali, trasformando così la terra in un vero e proprio villaggio globale dov’è sempre più difficile stabilire dei confini non solo territoriali ma anche culturali.
La presenza su di uno stesso territorio di culture diverse suscita dei dubbi nei casi in cui ci si trova a dover giudicare un cittadino straniero per la condotta illegale da lui tenuta: il problema sta nel fatto che la condotta dell’agente è conforme al suo codice etico-culturale ma allo stesso tempo il suo comportamento è sanzionabile a livello penale. In quale modo dunque si dovrà giudicare il soggetto? Si dovrà tener conto del suo background culturale? Se si, il suo bagaglio di valori può in qualche modo influire sull’esito del processo?
Queste sono solo alcune delle domande che sorgono nell’affrontare un “reato culturale”, ma al momento non è ancora possibile dare una soluzione univoca.
I vari ordinamenti di fronte ai reati culturalmente orientati hanno tenuto un comportamento differente e, in alcuni casi, ambiguo. Ad esempio, all’interno degli Stati Uniti d’America, luogo d’origine del reato culturale, le Corti hanno affrontato la questione nei modi più variegati: in alcuni casi i fattori culturali sono stati considerati come circostanza attenuante e/o come mitigazione della sentenza (in tutto e/o in parte), mentre in altri casi gli elementi culturali non sono stati valutati affatto. Lo stesso potrebbe dirsi per la Gran Bretagna o per l’Italia: in entrambi i paesi le soluzioni sono state tra le più disparate come si vedrà dall’esamina dei casi giurisprudenziali riportati.
Il problema di se e come giudicare chi commette un reato culturale, come ho già detto, è ancora ben lontano da una soluzione. Allo stato delle cose manca: innanzitutto una definizione legale di reato culturale, al momento si utilizzano delle definizioni fornite dalla dottrina; ed in secondo luogo una disciplina penale sia a livello di ipotesi specifica di reato sia a livello di leggi ad hoc o di leggi speciali.
La questione è ancora tutta da discutere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Lo scopo che ci si prefigge con questa tesi è quello di affrontare e di analizzare, alla luce del dilagante multiculturalismo, la nuova fattispecie penale denominata “reato culturalmente orientato” altrimenti detta “reato culturale”. Tale argomento riveste un certo interesse sia dal punto di vista socio-culturale sia di quello giuridico. Riguardo al primo aspetto vengono in considerazione, in primo luogo, i criteri di individuazione delle minoranze culturali: quali sono gli elementi che caratterizzano un determinato gruppo culturale? La risposta non è così semplice come sembrerebbe in un primo momento, giacché la cultura non è un qualcosa di statico o d’impermeabile, quanto piuttosto fenomeno in continuo divenire (panta rei come direbbe Eraclito). Questa perenne evoluzione si verifica sia a causa delle modificazioni che avvengono all’interno dello stesso gruppo culturale, sia per le contaminazioni derivanti dal contatto con gruppi esterni. Conseguentemente un gruppo culturale X dei nostri giorni non avrà sicuramente le stesse caratteristiche del gruppo culturale X di venti anni fa. Sempre dal punto di vista socio-culturale, in secondo luogo, vengono in rilievo le questioni legate al riconoscimento delle suddette minoranze dei diritti e dei loro relativi limiti. Per l’individuazione e l’individuazione del “gruppo etnico” si farà riferimento ai “Mandla criteria” elaborati dalla House of Lords Britannica: affinché un gruppo possa definirsi etnico dovrà essere caratterizzato da una serie di elementi (quali una lingua, una storia comune, ecc..) comuni a tutti gli appartenenti del gruppo. Una volta definito cosa s’intende per gruppo si dovrà distinguere tra gruppi maggioritari e minoritari e delle possibili rivendicazioni che gli uni possono avanzare nei confronti degli altri. Secondo Kymlicka si tratta delle cosiddette “rivendicazione di restrizioni interne” e “rivendicazione di tutele esterne”; vale a dire di quei diritti che il gruppo culturale minoritario rivendica sia per la gestione dei rapporti interni allo stesso gruppo (rivendicazioni interne), sia per la gestione dei rapporti con le istituzioni esterne appartenenti al gruppo maggioritario (rivendicazioni esterne). Tra i due gruppi si stanno verificando (ultimamente) sempre più spesso dei conflitti normativi-culturali, cioè dei contrasti tra norme di condotta appartenenti al gruppo minoritario e norme penali previste dall’ordinamento del gruppo maggioritario. Questi conflitti, che sono alla base del cosiddetto “reato culturale”, suscitano interesse all’interno del sistema giuridico, poiché intaccano il “rapporto di circolarità” da sempre esistente tra culture/valori e fattispecie/sanzioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

multiculturalismo
reati culturali
cultural offences
reati culturalmente orientati

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi