Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Così lontani, così vicini. La post-televisione nell'era dei social media: teorie, scenari, pubblici

L'obiettivo di questo lavoro di ricerca è stato quello di provare a dare un senso a uno scenario che va sempre più verso la convergenza mediale, fotografando lo stato dell’arte in cui versa la televisione nell’epoca digitale e l'emergere di nuove pratiche e forme di visione che scaturiscono dall’avvento dei Social Media e dalla cosiddetta Social TV. Difatti, uno dei cambiamenti più rilevanti sembra aver toccato i processi di costruzione del flusso televisivo: un risolutivo riequilibrio nei rapporti di potere tra reti e pubblici e una radicale trasformazione delle pratiche di visione della tv che, da tendenzialmente omogenee, diventano sempre più individuali e frammentate. La ricca diffusione dei nuovi canali digitali, il consolidamento della televisione satellitare, ma anche l’esplosione dei contenuti on demand, hanno esortato il mercato dei player, ad esercitare soluzioni ibride di arricchimento e integrazione dell’offerta televisiva, facendo appello alle potenzialità date dal Web. Le reti televisive – presa consapevolezza della rideterminazione del medium – accostano e integrano all’offerta e alle strategie di palinsesto tipiche della tv generalista nuovi modelli e strategie di business.

Mostra/Nascondi contenuto.
  Introduzione Dove guardavamo, dove stiamo guardando «La chiave per il futuro della televisione è smettere di pensare ad essa in termini di televisione. Sarà un grande vantaggio per la tv se la si penserà in termini di bit» (Negroponte 1995: 43). Così Nicholas Negroponte – noto per i suoi toni “estremisti” – già a metà degli anni Novanta anticipava quello che da lì a poco sarebbe stato lo scenario in cui s’inserisce oggi il mezzo televisivo. Da oltre un decennio in tutto il mondo, è comune denominatore studiare la televisione, con l’ambizione di voler identificare le avvisaglie del suo processo di cambiamento (Spigel, Olsoon 2004; Turner, Tay 2009; Scaglioni 2011). Professionisti, studiosi e critici s’interrogano se la televisione stia finalmente uscendo da un’epoca – che l’ha vista primeggiare per oltre mezzo secolo nell’industria mediale – pronta ad allacciare legami e stringere connessioni con altre forme, linguaggi e pratiche sociali. Dopo tutto: «se il termine televisione si attribuisce a tecnologie, logiche industriali, politiche governative e a pratiche di visione che erano legate al medium nella sua dimensione classica di servizio pubblico – caratterizzata dalla presenza di pochi network – sembra che stiamo entrando in una nuova fase della televisione, la fase che viene dopo la televisione» (Spigel – Olsoon 2004: 2 corsivo nostro). Parlare di una “televisione dopo la televisione” mi pare però riduttivo, poiché l’accezione dell’espressione stessa, sottintende a una molteplicità di possibili scenari del mezzo televisivo – sia tecnologici sia fruitivi – che tuttavia non rimettono in discussione il “nome della cosa”. Studiare oggi la televisione, suggerisce – per la prima volta nella

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Comunicazione, Relazioni Pubbliche e Pubblicità

Autore: Giuseppe Suma Contatta »

Composta da 229 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3130 click dal 22/01/2014.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.