Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La struttura gerarchica degli Environmental Concerns: uno studio sperimentale

Gli Environmental concerns (il proprio atteggiamento verso l'ambiente e i temi riferiti a esso) sono stati concettualizzati in letteratura come egoistico, altruistico e biosferico (Stern & Dietz, 1994). È evidente che i concerns motivano a loro volta una serie di comportamenti di auto-affermazione (pro-self) vs. comportamenti di auto-trascendenza (pro-ambientali). Tuttavia, non vi è unanimità sul come motivare le persone, che possiedono diversi valori e relativi concerns, a comportarsi in modo pro-ambientale. Secondo il punto di vista della Teoria degli Environmental Concerns, le persone s’impegnano in comportamenti pro-ambientali a causa del loro concern biosferico. E per quanto riguarda le persone orientate all’auto-affermazione, che possiedono concerns egoistici? La presente ricerca ha testato il modello inclusivo degli Environmental Concerns (IMEC), secondo il quale gli environmental concerns sono organizzati gerarchicamente: i concerns egoistici sono incorporati nei concerns altruistici-sociali, che a loro volta sono incorporati nei concerns biosferici. Due studi hanno testato l'ipotesi che un individuo sarà maggiormente propenso a comportarsi in modo pro-ambientale quando si abbinerà una motivazione di auto-affermazione (ma non di auto- trascendenza) al proprio concern egoistico disposizionale, mentre sia motivazioni di auto-affermazione sia motivazioni di auto-trascendenza aumenteranno il comportamento pro-ambientale quando il concern disposizionale dell’individuo è biosferico. Il campione è costituito da 91 studenti universitari della California State Univerisity San Marcos. I risultati sono stati discussi secondo il modello dei valori Schwartz (1992, 1994) e il paradigma degli Enviromental Concerns di Schultz (1999). Inoltre sono state utilizzate come teorie di riferimento: la teoria dell’attivazione delle norme sociali (Schwartz, 1977), e la Costly Signaling Theory (Miller, 2000; Zahavi, 1975) applicata ai comportamenti pro-ambientali e il nuovo approccio della psicologia evoluzionistica applicata ai comportamenti pro-ambientali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 ABSTRACT Gli Environmental concerns (il proprio atteggiamento verso l'ambiente e i temi riferiti a esso) sono stati concettualizzati in letteratura come egoistico, altruistico e biosferico (Stern & Dietz, 1994). È evidente che i concerns motivano a loro volta una serie di comportamenti di auto-affermazione (pro-self) vs. comportamenti di auto-trascendenza (pro-ambientali). Tuttavia, non vi è unanimità sul come motivare le persone, che possiedono diversi valori e relativi concerns, a comportarsi in modo pro-ambientale. Secondo il punto di vista della Teoria degli Environmental Concerns, le persone s’impegnano in comportamenti pro-ambientali a causa del loro concern biosferico. E per quanto riguarda le persone orientate all’auto-affermazione, che possiedono concerns egoistici? La presente ricerca ha testato il modello inclusivo degli Environmental Concerns (IMEC), secondo il quale gli environmental concerns sono organizzati gerarchicamente: i concerns egoistici sono incorporati nei concerns altruistici-sociali, che a loro volta sono incorporati nei concerns biosferici. Due studi hanno testato l'ipotesi che un individuo sarà maggiormente propenso a comportarsi in modo pro- ambientale quando si abbinerà una motivazione di auto-affermazione (ma non di auto- trascendenza) al proprio concern egoistico disposizionale, mentre sia motivazioni di auto-affermazione sia motivazioni di auto-trascendenza aumenteranno il comportamento pro-ambientale quando il concern disposizionale dell’individuo è biosferico. Il campione è costituito da 91 studenti universitari della California State Univerisity San Marcos. I risultati sono stati discussi secondo il modello dei valori Schwartz (1992, 1994) e il paradigma degli Enviromental Concerns di Schultz (1999). Inoltre sono state utilizzate come teorie di riferimento: la teoria dell’attivazione delle norme sociali (Schwartz, 1977), e la Costly Signaling Theory (Miller, 2000; Zahavi, 1975) applicata ai comportamenti pro-ambientali e il nuovo approccio della psicologia evoluzionistica applicata ai comportamenti pro-ambientali.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Medicina e Psicologia

Autore: Giuseppina Melucci Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 721 click dal 23/01/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.