Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il finanziamento dei servizi di interesse economico generale: il caso Laziomar

L'argomento principale del lavoro riguarda in particolare a livello normativo le modalità di finanziamento dei Servizi di interesse economico generale (SIEG).
In particolare mi sono soffermato sul caso della Laziomar spa, una società controllata dalla Regione Lazio, il cui compito è stato quello di gestire i collegamenti marittimi tra i porti di Formia e,nel periodo estivo, di Anzio, con le isole pontine in regime di obbligo di servizio pubblico, ricevendo importanti sovvenzioni da parte delle pubbliche autorità.

Mostra/Nascondi contenuto.
PARAGRAFO 2: IL CASO LAZIOMAR STORIA DELLA SOCIETA’: Le precedenti definizioni trovano un valido esempio pratico nel caso della società Laziomar S.p.a., società partecipata dalla Regione Lazio che nel corso degli anni ha ricevuto importanti sovvenzioni dalle pubbliche autorità. Laziomar S.p.A. è una compagnia di navigazione nata ufficialmente il 14 febbraio 2011 a Roma, a seguito della cessione, da parte di Caremar (Campania Regionale Marittima), del ramo d'azienda pontino, e gestisce i collegamenti marittimi in regime di obbligo di servizio pubblico tra i porti di Formia e, nel periodo estivo, di Anzio con le Isole Pontine. Più precisamente, il 3 novembre 2009 l’allora Ministro dei trasporti Altero Matteoli firmò l'accordo per il passaggio della Caremar dallo Stato (veniva controllata tramite la Tirrenia di Navigazione) direttamente alla Regione Campania. Con la normativa n° 166 venne stabilito che le linee con l’arcipelago pontino, tradizionalmente gestite dalla Caremar, venissero trasferite alla Regione Lazio che, all’uopo, ha costituito una specifica società denominata Laziomar S.p.A. I collegamenti con le isole pontine sono stati gestiti da quest’ultima, a partire dal 1° giugno 2011 fino al settembre 2013. Il passaggio a titolo gratuito è stato ratificato con il contratto di cessione del ramo d’azienda consultabile in appendice, tenendo conto che la Regione, al fine di dare completa attuazione a quanto previsto ed in conformità agli obblighi ed alle disposizioni nazionali e comunitarie vigenti, con la Legge Regionale n. 2 del 05/03/2010, recante “Promozione della costituzione di una società per azioni a partecipazione regionale ai fini dei collegamenti marittimi con le isole pontine denominata Laziomar s.p.a.”, ha disposto la costituzione di una società per azioni a totale partecipazione regionale per l’esercizio del servizio pubblico di cabotaggio marittimo regionale, denominata Laziomar s.p.a., ai fini dell’acquisizione a titolo gratuito, ai sensi dall’articolo 19 ter, comma 3, del d.l. 135/2009 convertito dalla L. 166/2009, del ramo d’azienda ceduto dalla Campania regionale marittima S.p.A. (Caremar) relativo ai collegamenti marittimi con le isole pontine ed al fine del successivo avvio delle procedure per la privatizzazione della Laziomar s.p.a. attraverso la pubblicazione del bando di gara per la selezione del socio privato e la contestuale attribuzione di specifici compiti operativi connessi alla gestione del servizio, mediante procedure competitive ad evidenza pubblica. Il compito della società è quindi sostanzialmente quello di “traghettare” la gestione del servizio di trasporto in attesa di una futura privatizzazione. Al momento della costituzione della società, il Consiglio di Amministrazione della Laziomar era formato da tre membri: il Dott. Antonino Cataudella, presidente del CdA, la Dott.ssa Maria Terenzi, quale Vicepresidente consigliere, e Marco Silvestroni, consigliere. 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giacomo Pirani Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 303 click dal 29/01/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.