Skip to content

Contrattazione collettiva nazionale del lavoro: il Caso di Fiat ''Fabbrica Italia''

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Stanzione
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Analisi dei dati economici- organizzativi e del lavoro
  Relatore: Claudio Pellegrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Il presente lavoro di ricerca analizza le dinamiche avvenute, con l'introduzione nel 2010 da parte della Fiat del progetto "Fabbrica Italia", sul contratto collettivo dei metalmeccanici del 20 gennaio 2008.
Partendo da un'analisi teorica delle caratteristiche della contrattazione collettiva, si mostra come la contrattazione collettiva sia l'esito di quel processo attraverso il quale, i sindacati dei lavoratori e le associazioni dei datori di lavoro, ricorrendo ai mezzi di pressione di cui dispongono, come lo sciopero, definiscono congiuntamente la regolamentazione dei rapporti individuali e collettivi di lavoro.
Si è proseguito, all'analisi cronologica delle dinamiche Fiat accadute dal 2010, anno in cui, l'azienda dovendo decidere da azienda oramai multinazionale le strategie e le localizzazioni produttive del prossimo decennio, ha ufficialmente presentato, il 21 aprile 2010, il progetto per l'Italia "Fabbrica Italia". Il management aveva dichiarato di voler rafforzare le radici italiane della multinazionale, trasformando gli stabilimenti presenti sul territorio nella base strategica per la produzione e l'esportazione di vetture in Europa. Il "caso Fiat" nasce, quindi, dall'esigenza di peculiari regole sull'organizzazione e sul lavoro, adatte ad una rilocalizzazione in grado di evitare lo smantellamento dell'industria nazionale dell'auto.
Nella presentazione di questo progetto, l'amministratore delegato Sergio Marchionne, ha richiesto ai sindacati l'accettazione di una serie di condizioni da sottoscrivere preventivamente tramite accordi; Fiat si propone in particolare i seguenti obiettivi: l'aumento della saturazione e utilizzazione degli impianti produttivi; la crescita della flessibilità del lavoro per rispondere alle variazioni della domanda sui mercati a livello mondiale; la riduzione dei costi e l'aumento della produttività del lavoro.
Con riguardo al primo obiettivo, la maggiore saturazione degli impianti produttivi, viene previsto l'utilizzo degli impianti per 18 turni settimanali (3 turni giornalieri per 6 giorni). L'aumento della flessibilità dovrà avvenire sul terreno: a) del tempo di lavoro, sia in termini di durata della prestazione lavorativa (aumento di 80 ore degli straordinari) che sulla collocazione temporale (aumento degli orari delle fasi "alte" della domanda); b) della mobilità "spaziale" del lavoratore, con la possibilità di maggiori spostamenti di un lavoratore da un reparto all'altro; da una azienda all'altra del gruppo Fiat. La riduzione di costi e l'aumento della produttività del lavoro andranno raggiunti grazie al modello di organizzazione previsto dal World Class Manifacturing (WMC) e dal sistema ERGO-UAS.
Per garantirsi la piena "governabilità" degli impianti, la Fiat ha inserito negli accordi di Pomigliano e Mirafiori clausole molto controverse e dibattute, come quella di "responsabilità", in base alla quale i sindacati firmatari e i lavoratori tutti sono passibili di sanzioni, sia collettive che individuali, qualora dovessero porre in essere comportamenti «idonei a rendere inesigibili le condizioni concordate». Infine nel terzo capitolo, si analizza il ruolo dei sindacati italiani, soprattutto, il sindacato non firmatario, la Fiom-Cgil, e il sindacato americano, Lo United Automobile Workers Union (UAW), e i rapporti che questi hanno con l'azienda.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Il presente lavoro di ricerca si propone di analizzare le dinamiche del contratto collettivo nazionale del lavoro che, in un ambiente oramai globalizzato, intervengono a modificare alcuni aspetti di esso. L’analisi si incentra in particolare sulle modifiche apportate al contratto nazionale del lavoro per i lavoratori addetti all’industria metalmeccanica, del 20 gennaio 2008, avvenute a seguito dell’introduzione del contratto Fiat “Fabbrica Italia” del 2010. A tal proposito, il lavoro si è basato sullo studio di articoli, pubblicati sui quotidiani degli ultimi due anni riguardanti le vicende Fiat. La tesi si apre con un’analisi teorica delle caratteristiche della contrattazione collettiva. Il primo capitolo, infatti, mostra come la contrattazione collettiva sia l’esito di quel processo attraverso il quale, i sindacati dei lavoratori e le associazioni dei datori di lavoro, ricorrendo ai mezzi di pressione di cui dispongono, come lo sciopero, definiscono congiuntamente la regolamentazione dei rapporti individuali e collettivi di lavoro. Si evidenzia come la struttura contrattuale possa essere descritta secondo sei dimensioni, l’estensione, la centralizzazione, l’incisività, l’efficacia, il grado di coinvolgimento e il grado d’istituzionalizzazione, ciascuna delle quali sottolinea un carattere che fornisce anche indicazioni essenziali per la comprensione dei diversi sistemi di relazioni industriali. Infine, si analizza l’evoluzione della contrattazione collettiva dal dopo guerra fino alla stipulazione dell’accordo quadro del 2009. Obiettivo del secondo capitolo è, invece, mostrare le differenze fra il contratto dei metalmeccanici del 2008 e il nuovo contratto separato Fiat “Fabbrica Italia”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi